Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mini arsenale nei bungalow del lido Le Capannine
Arrestato il fratello dell'ex presidente del Consiglio

Pistole, coltelli, maceti, sfollagente, taser, metal detector e tirapugni. È quanto i finanzieri del comando provinciale di Catania hanno trovato in viale Kennedy. A finire in carcere è stato Salvatore Raciti, il figlio di Carmelo detto Melo. Guarda il video

Pistole illegali e modificate, cartucce, caricatori, bossoli, un coltello, due maceti, un giubbotto antiproiettile, uno sfollagente di legno, due dissuasori (taser) un metal detector e un tirapugni. Un mini arsenale abbastanza variegato, con armi buone per ogni evenienza. È quanto trovato della guardia di finanza di Catania in alcuni bungalow del lido Le Capannine in esclusiva disponibilità di uno dei soci, il 36enne Salvatori Raciti che è stato arrestato per possesso illegale di armi e munizioni e denunciato per detenzione di stupefacenti e falsificazione monetaria. L'uomo, come accertato da MeridioNews, è il figlio del noto imprenditore Melo Raciti, Salvatore è anche il fratello dell'ex presidente del Consiglio comunale di Catania Francesca Raciti. Sia il padre che l'ex politica però non sono coinvolti nei fatti che riguardano il parente. 

Il nome di Melo Raciti, e dei sui presunti legami con la criminalità organizzata, è stato pronunciato in passato da diversi collaboratori di giustizia. L'imprenditore però non è mai stato direttamente coinvolto in nessuna inchiesta. Nell'operazione Piramidi a citarlo è l'ex reggente del clan Cappello Gaetano D'Aquino: «Conosco Melo Raciti come persona vicina ai Santapaola. A lui - continua il collaboratore - non era molto gradito Angelo Santapaola perché lo stesso Raciti disse che lui era entrato alle Capannine per imporsi». Il suo nome poi, torna anche nell'inchiesta Iblis. È un altro collaboratore di giustizia a parlare di lui come «personaggio di riferimento per alcune attività lecite dei Santapaola-Ercolano» e viene indicato come «imprenditore strettamente correlato a Maurizio Zuccaro», uno dei più sanguinari e pericolosi boss della famiglia. Il padre di uno dei cantanti neomelodici più famosi di Catania, Andrea Zeta (all'anagrafe Filippo Zuccaro) da cui ha preso il nome l'operazione Zeta. Anche qui si parla di Melo Raciti, questa volta in relazione alla ristrutturazione dei locali di un di un ristorante nel borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti, poi dato in affitto. 

Eletta nelle fila del Partito democratico, Francesca Raciti è stata presidente del Consiglio comunale di Catania durante la scorsa sindacatura. Per via del suo legame diretto con il padre Melo, il suo nome era finito tra quelli che l'ormai ex prefetta di Catania Maria Guia Federico aveva portato davanti ai componenti della commissione parlamentare antimafia in merito alle presunte infiltrazioni di Cosa nostra nel consiglio comunale del capoluogo etneo

Nella mattinata di ieri, il blitz dei finanzieri del comando provinciale di Catania nello stabilimento balneare del Capannone Sas di Isaia Francesco & C di viale Kennedy ha permesso di scovare anche diversi bilancini, marijuana e hashish, 3000 euro in contanti e due banconote false. Gli inquirenti adesso sono a lavoro per ricostruire la provenienza delle armi di vario genere che sono state ritrovate e lo scopo per cui sarebbero state tenute nello stabilimento balneare. Le indagini, al momento, stanno prendendo in considerazione diverse piste e, stando a quanto filtra da fonti investigative contattate da questa testata, verranno svolte verifiche sia nel campo della locale criminalità che negli ambienti politici legati all'estrema destra

In particolare, le armi ritrovate sono: una carabina Pcp modello Bt 65 Sb, calibro 5,5 mm modificata (risultava essere stata asportata una vite limitante la capacità di fuoco); una pistola illegalmente detenuta con matricola parzialmente abrasa, completa di caricatore contenente dieci cartucce 9x21; 37 cartucce (tra le quali, 9x19 parabellum dello stesso calibro di quelle in uso a forze di polizia, 9x21, 8 mm a salve); due caricatori vuoti; undici bossoli; un coltello a scatto; un giubbotto antiproiettile; due maceti; uno sfollagente in legno, due dissuasori (taser), un metal detector e un tirapugni. Raciti è stato portato nella casa circondariale di piazza Lanza a Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews