Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gli affari dei Mazzei nel contrabbando di gasolio
A casa di un imprenditore diamanti, Rolex e soldi

Nel mirino degli inquirenti Sergio Leonardi, titolare dei distributori di benzina LBS, oggi finiti sotto sequestro. La sua scalata imprenditoriale si sarebbe concretizzata con il decisivo appoggio della mafia etnea. Guarda video e foto

Dario De Luca

Imprenditori spregiudicati che ottengono il massimo vantaggio dalla stretta sinergia criminale con i clan mafiosi. L’indagine Vento di scirocco, partita alla fine del 2016 e culminata con il blitz di oggi, riguarda 23 persone (tra queste, dieci in carcere e cinque ai domiciliari). A portarla a termine i militari del gruppo economico finanziario della guardia di finanza e dei carabinieri su delega della procura di Catania guidata dal procuratore capo Carmelo Zuccaro. Nel mirino sono finiti gli interessi del clan di Cosa nostra dei Mazzei nel mondo del contrabbando di carburante e nel settore delle scommesse online. Affari che valgono milioni di euro e che, ancora una volta, passano per i canali di approvvigionamento con basi a Malta e in Libia. Un mix tra mondo di sopra e mondo di sotto dove interloquiscono colletti bianchi, mafiosi e intermediari.

 

Al vertice dell’organizzazione criminale ci sarebbero stati Carmelo Munzone e Angelo Privitera, detto Scirocco. Secondo gli inquirenti, sarebbe stato proprio quest’ultimo a tenere i contatti con dei soggetti della provincia di Trapani gravitanti nell’ambiente mafioso. In particolare con Francesco Burzotta, titolare di un grosso deposito di gasolio con sede a Mazara del Vallo e imparentato con alcuni esponenti della famiglia mafiosa di Castelvetrano che ha come riferimento il latitante Matteo Messina Denaro.

Il braccio imprenditoriale dei Carcagnusi sarebbe stato invece l’imprenditore Sergio Leonardi, titolare dei distributori di benzina LBS Trading. Il marchio nero-verde, negli ultimi anni si, è rapidamente espanso in varie punti della città di Catania. Adesso, i suoi punti vendita sono finiti sotto sequestro e con il proprietario sottoposto a misura cautelare in carcere. Quest’ultimo vanta anche parentele mafiose di un certo spessore. L’uomo, come specificato in conferenza stampa, è nipote del boss etneo Mario Maugeri detto Ammuttapotti ed è sposato con la figlia dello storico boss Pippo Sciuto detto Tigna. A casa dell’imprenditore gli inquirenti hanno trovato, e sequestrato, 50mila euro in contati, orologi Rolex e diamanti.

Francesco Burzotta

Salvatore Giannone

Sergio Leonardi

Alessandro Lizzoli

Luciano Lo Re

Pietro Lo Re

Claudio Loria

Sergio Minnella

Carmelo Munzone

Carmelo Pantalena

Massimiliano Ponturo

Angelo Privitera

Bernardo Toscano

«A Catania continuiamo a monitorare la particolare attenzione della mafia sul commercio di prodotti petroliferi. Un settore con alti profitti», spiega il comandante provinciale della guardia di finanza Raffaele D’Angelo. Le frodi ricostruite sarebbe state di due tipi: evasioni dell’imposta sul valore aggiunto (Iva) e delle accise. La prima tramite le frodi carosello, cioè la cessione di prodotti petroliferi mettendo tra acquirente finale e venditore una serie di società: «Servono ad allungare le cessioni e a lucrare il versamento dell’Iva». Il meccanismo avrebbe riguardato pure l’evasione dell’accisa, passaggio che si concretizzava al momento di importazione o esportazione della benzina. «Chi vendeva dichiarava la vendita a Stati esteri, una mossa fittizia che aggirava il versamento delle accise. Poi il carburante rimaneva nel territorio italiano», conclude D’Angelo.

L’indagine di oggi per certi versi si ricollega all’inchiesta Dirty Oil che, negli anni scorsi, ha messo in luce le modalità di approvvigionamento del gasolio dalla Libia. Tra i destinatari del gasolio il deposito fiscale della Pinto Zottolo, in provincia di Trapani e gestito proprio da Burzotta. Lo stesso si sarebbe occupato, per lunghe fasi dell’indagine, dei distributori di Leonardi. «In una trattativa compaiono dei soggetti maltesi che si interpongono negli accordi tra Libia e Italia», spiega il magistrato Alessandro Fragalà. Privitera e Angelo Munzone, per esempio, avrebbero avuto contatti con Gordon Debono (non indagato in questa vicenda, ndr). «Le trattative con quest’ultimo non si chiudono perché Debono poi è stato coinvolto nell’inchiesta Dirty Oil», conclude Fragalà. «Siamo riusciti a delineare anche l’assetto criminale interno del clan Mazzei. Dove non sono mancati momenti di fibrillazione», conclude durante la conferenza stampa il comandante del comando provinciale dei carabinieri di Catania Raffaele Covetti. Molti dei summit monitorati dagli inquirenti si svolgevano nella macelleria Ideal Carne, gestita dai fratelli Luciano e Pietro Lo Re. Entrambi finiti dietro le sbarre.

Elenco delle persone finite in carcere:

  1. Francesco Burzotta, nato a Mazara del Vallo (Trapani) l’11.5.1960;
  2. Salvatore Giannone, nato a Caltanissetta il 10.3.1956;
  3. Sergio Leonardi, nato a Catania il 7 febbraio 1978;
  4. Luciano Lo Re, nato a Catania il 16.6.1971;
  5. Pietro Lo Re, nato a Catania il 25.5.1965;
  6. Claudio Loria, nato a Catania il 3.12.1969;
  7. Sergio Minnella, nato a Catania il 14.12.1960;
  8. Carmelo Munzone, nato a Catania 17.06.1956;
  9. Angelo Privitera, nato a Catania il giorno l’1.8.1964;
  10. Carmelo Pantalena, nato a Catania il 23.2.1973, in atto detenuto nel carcere Bicocca di Catania Bicocca;

Agli arresti domiciliari:

  1. Eugenio Barbarino, nato a Giarre (Catania) il 28.8.1984;
  2. Alessandro Concetto Caldarera, nato a Catania il 16 aprile 1969;
  3. Alessandro Lizzoli, nato a Catania il giorno 11.2.1972;
  4. Bernardo Toscano, nato a Catania il 04.12.1968;
  5. Massimiliano Ponturo, nato a Catania il 27.6.1979;

Divieto temporaneo di esercitare imprese e gli uffici direttivi:

  1. Alberto Pietro Agosta, nato a Catania il 31 agosto 1986;
  2. Antonino Campagna, nato a Catania il 29 novembre 1964;
  3. Filippo Cutrona, nato a Catania il 16 gennaio 1990;
  4. Gioacchino Falsaperla, nato a Catania l’11 agosto 1965;
  5. Salvino Frazzetto, nato a Catania il 15 settembre 1959;
  6. Salvatore Giuffrida, nato a Catania il 27 giugno 1983;
  7. Federico Pandetta, nato a Catania il 9 giugno 1983;
  8. Salvatore Pinta, nato a Mazara del Vallo (Trapani) il 21 agosto 1956;

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews