Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascalucia, la Tech servizi vince la gara dei rifiuti
Ex dipendenti Mosema? «Saranno tutti riassorbiti»

Tra le aziende concorrenti al bando settennale pubblicato a luglio 2019 dal Comune c’erano Progitec, Eco Burgos e Ciclat. La Dusty, anch’essa intenzionata a partecipare alla selezione, si ferma ai nastri di partenza

Gabriele Patti

La Tech servizi srl di Floridia si aggiudica la gestione della raccolta dei rifiuti del Comune di Mascalucia per sette anni. L’impresa che già si occupa del servizio in molti comuni della Sicilia orientale è la società capogruppo dell’Ati (associazione temporanea di impresa) Impregico srl di Taranto. Con un punteggio di 92 su 100 e un’offerta al ribasso pari al nove per cento, si aggiudica il primo posto nel bando da oltre 26 milioni di euro che le permetterà (dal prossimo 1 febbraio) di prendere il posto della Mosema. Ovvero la società per azioni a cui il Comune mascaluciese  aveva affidato il servizio in house e che, a seguito della cattiva gestione, è entrata in una crisi irreversibile che nei mesi scorsi ne ha comportato il commissariamento e la messa in liquidazione

Non ce la fa, invece, la Progitec srl, arrivata seconda con un punteggio di 89 su 100 e un ribasso offerto del 13 per cento. Il bando, basato sul criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, è ancora in corso di aggiudicazione. Per il momento infatti non risulta stipulato nessun contratto tra l’ente comunale e la Tech, ma la ditta ha già ricevuto il placet da parte della commissione di aggiudicazione e il Comune, considerate le gravi condizioni in cui versa Mosema che non permettono un’efficiente prosecuzione del servizio, ha ricevuto parere favorevole dall’Urega di Catania per cominciare con l’affidamento. «Sotto tutela di legge – commenta a MeridioNews il responsabile unico del procedimento Alfio Gibilisco - e nelle more di avere un riscontro di tutta la documentazione utile alla stipula del contratto definitivo, ho eseguito l’aggiudicazione».

A concorrere, insieme alla Tech e alla Progitec, al bando pubblicato lo scorso luglio sul portale telematico della Regione Siciliana, c’erano la Ciclat srl e la Eco burgus srl. Entrambe non premiate dalla commissione. A queste, almeno in un primo momento, avrebbe dovuto aggiungersi anche la Dusty srl ma la procedura - gestita dalla Sitas, la piattaforma telematica della Regione - avrebbe comportato alcune difficoltà per la ditta che si occupa della gestione dei rifiuti del Comune di Catania. «La Dusty – si legge su uno dei verbali di gara – ha riscontrato alcune criticità che non hanno permesso il caricamento dei documenti» utili ai fini della partecipazione. 

«Loro – spiega Gibilisco - hanno lamentato il fatto che i flussi non gli hanno consentito di presentare tutta la documentazione necessaria». Ma la Regione, dopo la verifica sollecitata da Gibilisco ed eseguita dagli uffici, nei giorni e nelle ore indicate dalla Dusty ha negato qualunque tipo di malfunzionamento del sistema informatico. «I flussi erano regolari e aperti - continua il responsabile – così ho comunicato che non potevamo accettare la candidatura». Ed è così che la ditta è stata definitivamente esclusa.

Altro capitolo riguarda gli ex lavoratori Mosema. «I dipendenti – assicura Gibilisco - verranno tutti assorbiti dalla Tech». Tra autisti, impiegati e netturbini sono circa cinquanta i lavoratori, a tempo determinato e indeterminato, che troveranno sistemazione nella nuova ditta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews