Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scattano le manette per la cricca dei falsi incidenti 
Coinvolte due avvocate. Ai domiciliari un neurologo

Al vertice del gruppo ci sarebbe stato Pietro Bellaprima, adesso finito in carcere. In tutto sono 36 le persone indagate per reati contro il patrimonio e falsità in atti. Il danno patrimoniale ammonta a circa 100mila euro. Guarda le foto

Dario De Luca

Avevano escogitato un sistema per frodare le assicurazioni tramite falsi incidenti stradali. Almeno 18 i casi ricostruiti nell'inchiesta Fake crash dei carabinieri del comando provinciale di Catania che ha portato a cinque misure cautelari e alla notifica a 36 avvisi di conclusione indagini. Il capo della banda sarebbe stato Pietro Bellaprima, oggi finito in carcere. Tra i suoi complici una schiera di professionisti ognuno dei quali, secondo l'ipotesi degli inquirenti, con compiti precisi. 

Patrizia Zingarino, sottoposta agli arresti domiciliari, si sarebbe prestata a fare da finta testimone. Due le avvocate coinvolte: Giuseppina Ferrigno, agli arresti domiciliari, e Claudia La Porta, interdetta dall'attività forense per sei mesi. Insieme, stando allo schema ricostruito dalla procura, si sarebbero occupate delle pratiche legali dei finti incidenti. Altro partecipe dell'associazione sarebbe stato il medico legale, specialista in Neurologia, Epifanio Rapisarda. Il camice bianco è finito agli arresti domiciliari.

Claudia La Porta

Giuseppina Ferrigno

Epifanio Rapisarda

Pietro Bellaprima

Agata Zingarino

 

Il presunto capo dei finti incidenti si sarebbe avvalso anche della cooperazione di altre persone. Di volta in volta gli avrebbero procacciato o suggerito i sinistri che, poi, venivano contraffatti nell'istruttoria o simulati del tutto, per conseguire gli indebiti profitti da spartire tra i vari soggetti implicati. La cricca si sarebbe occupata di creare ad arte documentazione sanitaria e dichiarativa falsa o alterata, sia nell'indottrinare falsi testimoni che avrebbero dovuto fornire dichiarazioni agli agenti accertatori delle varie compagnie di assicurazione.

Le indagini hanno permesso di ricostruire 18 sinistri stradali (segnalati nel territorio dei Comuni di Catania e Misterbianco) palesemente falsi, per i quali le compagnie assicurative coinvolte presentavano denuncia-querela costituendosi così parti offese. Il danno patrimoniale procurato, orientativamente, si aggira intorno ai centomila euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×