Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Crollo palazzina, i lavoratori Cmc in cassa integrazione
«L'iniziativa è stata presa senza alcuna nota ufficiale»

Gli interessanti sono stati informati con una comunicazione non formale. «Abbiamo chiesto all'azienda un tavolo di confronto per avere chiarimenti - spiega a MeridioNews Domenico Murabito della Filca Cisl - sulle conseguenze del sequestro del cantiere»

Marta Silvestre

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Nessuna nota ufficiale, ma comunicazioni informali. È questo il modo scelto dall'azienda Cmc per dare disposizione ai responsabili del cantiere della fermata Stesicoro-Palestro di far sapere a parte dei lavoratori che da oggi sarebbero stati posti in cassa integrazione. E così è stato: questa mattina, dove fino a qualche giorno fa la talpa ha scavato, gli operai sono decimati. Una conseguenza dei sigilli con cui l'altroieri è stato posto sotto sequestro il tunnel di accesso alla galleria della metropolitana in seguito al crollo parziale della palazzina di via Castromarino

Resta ancora da definire il numero preciso dei lavoratori che sono rimasti sospesi dalle loro attività. Per turni normalmente formati da una ventina di operai, questa mattina invece gli uomini impiegati nel cantiere gestito dall'azienda ravennate si possono contare sulle dita di una mano. «In un clima di preoccupazione generale - spiega a MeridioNews il segretario organizzativo Filca Cisl Domenico Murabito - abbiamo inviato una richiesta formale a Ferrovia Circumetnea (che è la stazione appaltante, ndr) al fine di convocare un primo incontro con Cmc per istituire un tavolo tecnico di confronto per entrare nel merito della questione della quale non siamo stati ufficialmente avvisati». 

Un modo di procedere non consueto per una realtà aziendale in condizioni già precarie. «Nel momento in cui ci siederemo al tavolo con l'azienda - dice il sindacalista - nell'interesse dei lavoratori chiederemo spiegazioni su questa vicenda e poi chiarimenti sulle conseguenze di questo sequestro. Se non ci fossero altre alternative, al momento - conclude Murabito - potrebbe andare bene anche la cassa integrazione ma almeno sarebbe corretto che le informazioni venissero comunicate nei giusti modi».

Provati dalle difficoltà economiche e reduci dagli scioperi, gli operai della Cmc negli ultimi giorni si sono occupati solo di piccole opere di manutenzione e bonifica. Sono rimasti tutti fuori dalla galleria, nelle strutture esterne, a pulire magazzini e a controllare lo stato dei macchinari. La preoccupazione per il futuro era già stata espressa dal segretario generale di Filca Cisl Nunzio Turrisi. «Sono lavori che possono durare un paio di giorni e che non giustificano tutta quella forza lavoro», aveva confermato a questa testata. In effetti, se non si può scavare la galleria, il cantiere resta fermo.

All'impresa e alla direzione dei lavori, Fce ha chiesto un report sul crollo dello stabile all'incrocio tra via Plebiscito e via Lago di Nicito. Il primo atto di un'indagine interna che procederà parallelamente a quella della procura dove i magistrati hanno aperto un fascicolo per disastro e lesioni colpose che, per il momento, resta contro ignoti

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews