Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione Cursor, la cocaina sull'asse Librino-Caltagirone
Corrieri e acquirenti si incontravano nelle aree di servizio

L'inchiesta della procura calatina riguarda 37 persone, accusate di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ad occuparsi delle forniture sarebbero stati alcuni pregiudicati residenti nella periferia a sud di Catania. Guarda foto e video

Gabriele Patti

Un flusso costante di cocaina che viaggiava sull’asse Librino-Caltagirone, passando dalla strada statale 417 Catania-Gela e da alcuni distributori di benzina utilizzati come punti d'incontro tra corrieri e acquirenti. A scoprire tutto, nell'ambito dell'inchiesta Cursor, sono stati i carabinieri della stazione di Caltagirone. Trentasette le persone indagate, di cui otto finite dietro le sbarre e altrettante agli arresti domiciliari. Due delle persone coinvolte, Cristian Savatteri e Daniele Liggieri, avrebbero inoltre arrotondato i soldi del reddito di cittadinanza spacciando droga. La misura di sostegno al momento è stata sospesa su richiesta del giudice per le indagini preliminari. 

«L'indagine copre l'arco temporale tra marzo 2018 e aprile 2019», spiega in conferenza stampa il procuratore capo di Catalgirone Giuseppe Verzera. I carabinieri hanno monitorato almeno duecento cessioni di cocaina. A fornirla sarebbero stati alcuni grossisti attivi tra i quartieri Librino e Villaggio Sant'Agata, a Catania. «Il volume d’affari mensile era pari a circa 250mila euro. A differenza delle classiche piazze di spaccio - continua il procuratore - utilizzavano delle precauzioni». Tra queste la consegna a credito: gli spacciatori calatini si dirigevano a Catania, ordinavano il quantitativo e consegnavano il denaro. La contropartita in droga partiva due giorni dopo con lo scambio effettuato in un rifornimento - i titolari non sono coinvolti - della Catania-Gela. 

Alberto Tabbì

Andrea Scarfia

Francesco Savoca

Cristian Savatteri

Giuseppe Russo

Salvatore Privitera

Gianluca Munzone

Daniele Liggieri

Giovanni Indovino

Valter Hoxha

Carlo Guerrera

Emanuele Giordano

Fabio Fortunato

Innocenzo Foridia

Antonio Fichera

Calogero Ficarra

Giuseppe Di Stefano

Ivan Di Benedetto

Giovanni Crisafulli

Giuseppe Cardone Costa

Giovanni Carmelo Cosenza

Salvatore Basile

«Tutto ciò – spiega il procuratore – per evitare di dare nell’occhio e separare il flusso di denaro dallo stupefacente». Nei due quartieri del capoluogo etneo si incontravano domanda e offerta e «ogni settimana – spiegano gli inquirenti - vi era un approvvigionamento di circa 100 grammi di cocaina». Tra i nomi di spicco dell'inchiesta il catanese, 49 anni, Giuseppe Costa Cardone. Identificato dagli inquirenti come «il principale trafficante». Ma gli inquirenti assicurano che «pur essendoci dei ruoli abbastanza definiti, gli stessi erano anche fungibili». E questo basta, almeno per il momento, per abbandonare la pista che porta alle ombre di Cosa nostra. Ma non è tutto. «Adesso ci saranno gli interrogatori di garanzia – conclude Verzera - anche se le indagini non finiscono qui perché auspichiamo nella collaborazione dei destinatari dei provvedimenti».

Durante le fasi dell'indagine le forze dell'ordine hanno sequestrato complessivamente circa 25mila euro in contanti, ritenuto il provento dell'attività di spaccio. Ritrovati pure due fucili e 48 cartucce di calibro diverso. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews