Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aeroporto, taccheggiatori all'assalto del duty free

Redazione

Nella giornata di ieri, personale della Polizia di Frontiera Aerea in servizio presso l’aeroporto di Catania, riceveva la denuncia dalla titolare di un negozio all’interno del Duty Free aeroportuale, inerente al furto di parecchie confezioni di profumi e Swarovski, esposte negli scaffali del predetto negozio.

Gli operatori di polizia al fine di individuare l’autore del reato, visionando i filmati forniti dalla denunciante e dei filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza aeroportuale, riuscivano ad individuare gli autori del reato ovvero due uomini e due donne dell’età compresa tra i 20 e i 23 anni, che ultimato la commissione del reato si imbarcavano sul volo di una compagnia diretto a Venezia.

Atteso che l’aeromobile in argomento, con a bordo le quattro persone, aveva ormai lasciato Catania, veniva allertata la Polizia di Frontiera di quel capoluogo, portandoli a conoscenza dei fatti, fornendo loro copia della denuncia di furto ed alcuni fotogrammi estrapolati, utili all’individuazione delle persone sospettate.

Una volta l’aeromobile atterrato a Venezia, gli operatori di Polizia riuscivano ad individuare e controllare le quattro persone che, all’immediata contestazione, consegnavano 16 confezioni di profumo, due paia di orecchini e due bottiglie di superalcolici per un valore di olltre 1.500 euro.

Pertanto, i quattro giovani venivano indagati in stato di libertà per il reato di furto aggravato in concorso fra loro.

È il caso di ricordare che l’art.625 del codice penale stabilisce una specifica aggravante del reato di furto quando esso è commesso sul bagaglio dei viaggiatori in ogni specie di veicoli, nelle stazioni negli scali o banchiene, negli alberghi o in altri esercizi ove si somministrano cibi o bevande. In sostanza, ciò che potrebbe ridursi in condizioni diverse al mero “taccheggio”, nelle azioni illegali che si realizzano all’interno dello scalo aereo, assurge al ben più grave reato di furto aggravato che prevede la pena della reclusione da 1 a 6 anni e della multa da 103 a 1.032 euro.

(Fonte: ufficio stampa Questura di Catania)=

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×