Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lavorano a una mostra, ma non vengono pagati
La storia dei pannelli della start-up Archicart

Dario Distefano, Nicola Timpanaro e Mario Schilirò hanno realizzato dei pannelli di cartone ondulato da sistemare in strutture espositive. La mostra per cui erano stati pensati ha chiuso in anticipo e il loro conto non è stato saldato

Giorgia Lodato

Che a Catania il lavoro non sia riconosciuto come dovrebbe non è una novità. Come non è una novità il fatto che spesso i giovani vengono sfruttati e le loro capacità ripagate con poche lire. Quello che sorprende è che, ogni tanto, qualcuno si ribella e fa sentire la propria voce, provando a far valere i propri diritti. È il caso di Dario Distefano, socio fondatore insieme a Nicola Timpanaro e Mario Schilirò della startup Archicart-Area srl, ideatrice di un modulo di arredamento, che denuncia il mancato pagamento del lavoro svolto dalla sua ditta per un'azienda che organizza mostre in Sicilia.

«Abbiamo realizzato per la mostra del fumetto allestita a Palazzo Valle e chiusa prematuramente a soli due mesi dall’apertura – racconta Dario a MeridioNews - dei pannelli in cartone ondulato che non solo non ci sono stati ancora pagati, ma che adesso fanno sorprendentemente da quinta espositiva per la mostra su Caravaggio al Castello Ursino».

Il trio catanese ha realizzato il primo prototipo di edificio con struttura portante in cartone ondulato. Oltre 200 metri quadrati di superficie espositiva costruita e consegnata in due settimane all’organizzazione privata, con tanto di preventivo e fatture emesse. «Abbiamo ricevuto un acconto e ci devono ancora la metà dell’importo concordato – spiega il giovane architetto, che aggiung - Il 25 per cento della somma che abbiamo investito sarebbe dovuta essere utilizzata come scambio merce per pubblicità e sponsorizzazioni, cosa che non è mai avvenuta». Per di più la mostra è stata chiusa prima del previsto: da fine marzo, mese in cui inizialmente doveva concludersi l’evento, l’esposizione è stata smontata a novembre perché non ha avuto successo e ci sono stati pochi visitatori.

«Abbiamo puntato molto su questa mostra e sulla comunicazione ad essa legata, che non è stata soddisfacente, anche producendo noi stessi volantini e flyer da distribuire al pubblico, che sono rimasti abbandonati insieme alle opere dopo la chiusura. A un certo punto gli organizzatori ci hanno comunicato che si stavano preoccupando di cercare di mettere a reddito i nostri materiali spostandoli in altri posti, senza darci altre informazioni». È stato un amico, infatti, ad avvertire i ragazzi all’inizio di gennaio che alla mostra di Caravaggio allestita al Castello Ursino c’erano proprio i loro cartoni.

«Ho pagato il biglietto della mostra, per vedere con i miei occhi i nostri pannelli, colorati di nero e ricollocati. Non so cosa sia successo, chi si è accordato con chi, ho solo visto i miei pannelli modificati e spostati in un altro posto. Data la situazione in cui loro si trovavano e capendo le difficoltà, abbiamo proposto un piano di rientro del nostro conto in sospeso, considerando persa la parte di sponsorizzazione e assumendoci la responsabilità di aver investito sulla mostra sbagliata, ma chiedendo di avere i costi di produzione in tre mesi. Ci hanno risposto positivamente prima di scomparire e non rispondere più alle telefonate e alle mail di sollecito».

Un silenzio che ha spinto i tre a mandare un comunicato stampa ai giornali locali per porre l’attenzione sull’accaduto. «Siamo una start up e non ha senso per noi mettere in mezzo avvocati e decreti ingiuntivi, non abbiamo i mezzi economici per farlo. Anche se ci dispiace che c’è il rischio che venga meno la nostra credibilità con i fornitori e che saremo costretti a chiedere un prestito alla banca per saldare i nostri debiti». «Non mi piace questo imbarazzo in cui mi trovo, da buon lavoratore che ha messo al servizio la sua professionalità facendo tutto nei tempi e in modo pulito».

Ma, nonostante tutto, i tre siciliani non faranno le valigie e non andranno via. «Siamo talmente affezionati alla nostra terra che il cambiamento lo vogliamo portare qua. Abbiamo preso una sberla che ci causerà dei problemi e delle situazioni da risolvere, ma se non interveniamo e ce ne andiamo tutti chi rimane?».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews