Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ero piccolo, il corto da San Gregorio ai tour all'estero
L'etneo Jo-M: «Racconto disattenzione da tecnologia»

Giovanni Mazzarà è un tuttofare fra musica e video, figlio di una gavetta iniziata con un progetto di Mtv.  Oggi partecipa ai festival nazionali e d'Oltralpe e si pone delle domande sui pericoli dell'indigestione da tecnologia, guardando soprattutto ai più piccoli

Antonia Maria Arrabito

Chi fa da sé fa per tre. E anche di più. Regista, tecnico di luci, del suono e di fotografia: il catanese Giovanni Mazzarà - in arte Jo-M. - realizza un cortometraggio senza team di produzione e lo presenta ai festival italiani e internazionali più importanti, tra cui Giffoni Film Festival e David di Donatello. In gara con Ero Piccolo - girato interamente a San Gregorio di Catania - racconta a MeridioNews il suo messaggio e la sua gavetta. Classe 1987, il suo nome non nasconde nessun particolare mistero. 

Giovanni Mazzarà, classe 1987

«Si tratta semplicemente delle mie iniziali - spiega Mazzarà - per un nome che ho mantenuto dopo averlo utilizzato molto tempo fa per la pubblicazione della mia prima canzone. Ho scelto di rimanere fedele e riconoscibile al mio pubblico di nicchia». Selezionato nel 2004 da Mtv per il progetto sperimentale Mtv new generation - un campus con un percorso di due anni garantito a giovani artisti promettenti - fu lì che il giovane catanese tastò per la prima volta il suo talento. «Ci insegnarono tante cose sulla produzione. È colpa di quel progetto se ho continuato». Oggi Jo-M. dirige, riprende, suona e compone. Come testimonia anche il suo ultimo singolo Ti amo da sinistra a destra, il cui videoclip è già reperibile sul web. «Non si tratta del primo pezzo di un nuovo cd. Sono un filmaker e quello che faccio è collegato. Non ragiono per progetti e per album, narro storie che sono l’una il collegamento dell’altra. Cerco di comunicare e dire qualcosa. Il tempo che rimane lo dedico alle canzoni; sono un cantautore di riflesso». 

Una sua canzone è presente anche all'interno del suo ultimo cortometraggio, di cui ha curato ogni aspetto, compreso quello musicale. «Di solito un cortometraggio - prosegue il videomaker - si realizza con un team di produzione costituito da almeno sei persone: dal fonico al regista all’elettricista al tecnico delle luci. Tutte figure assenti nel mio caso. Io ho curato regia, sonorizzazione, luci. E, prima di realizzarlo, ho studiato la colorgrading: una tecnica che attraverso il colore mi consente di esprimere il mio carattere. La mia comunicazione deve essere identificata da chi sta guardando». Un’attenzione per la forma che non tralascia il contenuto. «Il corto tocca un tema importante: il disturbo di disattenzione creato dalla tecnologia. Ero piccolo riguarda un bambino - anch'egli assorbito dalla tecnologia - che a un certo punto si desta e invano ricerca le attenzioni dei genitori, troppo impegnati ad usare il telefonino. Il protagonista, allora, si connette con la natura che lo circonda, chiedendo ad essa quelle attenzioni». 

Un tema attuale, ispirato anche dalla attesa di diventare papà a breve. «La prossimità della paternità mi ha fatto sentire l’esigenza di esprimere questa preoccupazione, circa il cellulare che ormai fa da babysitter ai bambini. Credo molto nella forza di volontà dell’uomo; mentre la tecnologia e la società tendono a lobotomizzarci: ovvero a ridurre al minimo l’intervento umano e l’uso del cervello». Anche la protagonista del suo recente singolo è una bambina. «In realtà Ti amo da sinistra a destra non contiene nessun riferimento politico - precisa il cantautore - L’amore non ha posizione, è universale. La protagonista interagisce con un peluche gigante, verso il quale nutre un amore incondizionato, pur non essendo vivo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews