Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, continua il presidio a Niscemi
«Dalla Regione nessun atto di chiusura»

La notte dopo gli scontri con le forze dell'ordine, è tornata la quiete in contrada Ulmo. I manifestanti vigilano ancora sui cancelli della base militare all'interno della quale è riuscita a passare la grande gru che serve a completare il sistema di antenne statunitense. Scetticismo sulle decisioni del presidente della Regione Crocetta: «Non ci sono ancora atti amministrativi che ratificano il blocco del cantiere»

Redazione

Notte tranquilla a Niscemi 24 ore dopo l'arrivo della grande gru che servirà a completare il Muos. Dopo gli scontri di ieri notte tra manifestanti e polizia in assetto antisommossa, in contrada Ulmo la situazione è tornata ad un apparente stato di quiete. «Forse vogliono far calmare le acque», afferma Nadia Furnari del presidio no Muos Palermo.

«Abbiamo fatto un giro stamattina, non c'è nessuno, nemmeno un operaio al lavoro», continua Furnari. Davanti la base si è raccolto un gruppo consistente formato per la maggior parte da studenti, mentre continua il blocco che impedisce a qualsiasi mezzo di avvicinarsi all'ingresso della struttura. I manifestanti adesso attendono novità concrete dalla Regione. Se fino a dicembre l'Ente - attraverso l'assessore all'Ambiente Mariella Lo Bello - aveva mostrato una discreta apertura alle posizioni di quanti si oppongono al sistema di antenne, la situazione ha subito una brusca accelerazione lunedì, quando il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri ha definito il sito in provincia di Caltanissetta «di interesse strategico militare». Il giorno dopo l'Assemblea regionale siciliana ha votato una mozione presentata da quattro deputati del Partito democratico per «impedire l’installazione del sistema militare Muos presso la base militare di Niscemi». Appoggio unanime dell'Ars che ha compreso anche chi fino a qualche mese fa ha contribuito al rilascio dei permessi e quanti del Muos sapevano poco o nulla.

Ma con la forzatura dei blocchi posti dai cittadini, la situazione si è inevitabilmente ingarbugliata. E se il presidente della Regione Rosario Crocetta ha da subito dichiarato di voler sospendere tutti i lavori nel cantiere, «non ci sono ancora atti amministrativi che ratificano il blocco», spiega Nadia Furnari. Cresce quindi lo scetticismo nei confronti dell'ex sindaco di Gela, autore sì di una ferma presa di posizione ( «Avevo invitato in modo bonario a non accelerare i lavori e a procedere con prudenza – ha dichiarato – ho detto che non avremmo gradito forzature rispetto ai blocchi, finora non era successo ma ieri sera purtroppo è accaduto»), ma che non ha firmato un vero atto di chiusura del cantiere, accusano i manifestanti. Ad ogni modo, non diminuisce l'entusiasmo di quanti si sono raccolti in contrada Ulmo. Ieri sera si è tenuta un'intensa assemblea cittadina, oggi alle 15 si riuniranno i rappresentanti dei comitati regionali che studieranno le prossime mosse, con l'intento di coinvolgere il maggior numero di persone.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews