Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, Pietro Lo Monaco rimosso dal CdA
Giuseppe Di Natale nuovo amministratore delegato

Il consiglio d'amministrazione della società di via Magenta ha ratificato le dimissioni di Pietro Lo Monaco dalla carica di amministratore delegato. Ecco chi è il nuovo a.d. e cosa può cambiare in relazione alla vendita del Calcio Catania

Giorgio Tosto

La novità, nell'aria già da tempo, è stata ufficializzata questa mattina. Il Calcio Catania, tramite una nota diramata qualche ora fa, ha annunciato un cambiamento importante all'interno del Consiglio d'amministrazione. Pietro Lo Monaco, dimissionario ormai da più di due mesi, è stato sostituito da Giuseppe Di Natale nel ruolo di amministratore delegato. L'esperto dirigente di Torre Annunziata continua comunque a operare all'interno del club nelle vesti di Direttore generale: è stato ancora lui, ad esempio, a orchestrare un calciomercato invernale caratterizzato dalla cessione di alcuni tra i giocatori più rappresentativi, allo scopo di alleggerire le esangui casse societarie. 

Il nuovo organigramma del CdA rossazzurro vede dunque Davide Franco nelle vesti di presidente, mentre l'avvocato Giuseppe Gitto è il suo vice. Di Natale diventa come detto nuovo a.d., con Giuseppe Davide Caruso e il patron Antonino Pulvirenti che agiscono nelle vesti di consiglieri. «Al nominato amministratore delegato - recita il comunicato del club di via Magenta - spetterà, tra l'altro, il compito di elaborare un piano strategico finalizzato al superamento dell'attuale fase, nell'ottica del raggiungimento degli obiettivi societari e sportivi. Nei prossimi giorni verrà altresì nominato il nuovo organo amministrativo di Calcio Catania Servizi». 

La nomina di Di Natale è legata a doppio filo a quella precedente di Caruso. Entrambi, infatti, si erano occupati (dal 2015 al 2018) della gestione del Cara Mineo per conto dello Stato: una nomina figlia dello scandalo Mafia capitale e delle successive indagini relative all'assegnazione dei servizi all'interno del Centro d'accoglienza per richiedenti asilo. Si tratta dunque, in entrambi i casi, di personalità di spicco, esperte nel navigare a vista in situazioni di emergenza. Il compito si prospetta comunque gravoso: l'attuale proprietà, attraverso questa scelta (e stando a quanto comunicato oggi) pare voler strutturare una sorta di exit strategy per risollevarsi dalle attuali sabbie mobili. Sullo sfondo resta la possibile trattativa da avviare con l'ormai famigerato Comitato promotore.

Le evidenze bancarie sono state consegnate dai diretti interessati dieci giorni fa: lecito attendersi che il nuovo Consiglio d'amministrazione possa accelerare i tempi anche in tal senso. Tutto rimane comunque ancora fumoso e poco chiaro: le uniche certezze riguardano le amare considerazioni di Cristiano Lucarelli dopo l'ennesimo ko rimediato col Monopoli. Parole che fanno comprendere come un'accelerazione sia necessaria. «Oggi (ieri, ndr) è finito un sogno e comincia la realtà. Non vedo situazioni o persone che vogliono darci una mano. Il giudizio sui ragazzi - ribadisce il tecnico -  non può non essere condizionato dall'atmosfera e dall'ambiente: non posso rimproverar loro nulla. Non abbandono la barca: finché mi è permesso la porto in fondo, sapendo che ho poca collaborazione. Speriamo di riuscire a salvare la squadra». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews