Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Una Sant'Agata non convenzionale nella mostra all'aperto
Le opere di 16 artisti per «riqualificare Porta Garibaldi»

In questi giorni di celebrazioni agatine, via di Santa Barbara si è trasformata in una galleria d'arte. Arazzi particolari sono appesi ai fili che sporgono dai balconi. I teli verranno messi all'asta e il ricavato servirà ad acquistare delle telecamere. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Mentre i devoti percorrono via Garibaldi verso piazza Duomo, due ragazze scattano un selfie sotto gli arazzi appesi ai fili che sporgono dai balconi dell’ultimo tratto di via Santa Barbara. «Guarda», esclama un bambino invitando i genitori ad ammirare l’installazione artistica Le vie di Agata. Una galleria d’arte all'aria aperta che vede l’esposizione delle opere di 16 artisti, siciliani e non, che lungo la traversa che collega via Garibaldi a via Pozzo Mulino, hanno voluto rendere omaggio alla patrona della città etnea

Raffigurazioni non convenzionali rispetto all'iconografia più classica con cui viene rappresentata Sant'Agata: colori accesi, forme che richiamano quelle della corrente cubista, immagini stilizzate con rimandi astratti. Oltre alle interpretazioni più svariate della Santa, tra i teli rossi con enormi A dorate e quello con la scritta Semu tutti devoti tutti, trovano spazio anche le ispirazioni al dolce tipico delle celebrazioni agatine

Promossa dall'associazione Acquedotte, presieduta dall’architetto Giovanni Romeo, e dalla bottega di artigianato Tre vie handmade, la mostra è stata avviata lo scorso 2 febbraio con il patrocinio del comune di Catania e terminerà domenica prossima. «Anche se - lamenta il direttore artistico Vincenzo La Mendola a MeridioNews - per installare altre fonti di illuminazione abbiamo dovuto chiedere la cortesia ai residenti». Ma al centro delle polemiche c’è anche la mancanza di interesse dell’ente comunale a far sì che la mostra proceda per il meglio. «Stamattina la strada era piena di macchine parcheggiate ai lati della strada». La solita inciviltà, dunque, che stavolta non trova neanche il supporto di chi deve controllare. «Abbiamo chiamato i vigili urbani - spiega - ma non si sono degnati di venire. E il progetto è stato realizzato con il patrocinio comunale». 

Polemiche a parte, l’installazione si pone l’obiettivo di rendere omaggio a Sant’Agata, ma anche di accendere i riflettori su una zona del centro storico etneo poco valorizzata, nonostante il rilevante interesse storico- culturale. «Sotto via Santa Barbara - spiega La Mendola - si trovano i resti di una tricora romana», una struttura in uso nell'architettura termale romana. «In perfetta corrispondenza con la tricora abbiamo disegnato il profilo della struttura, così - continua - i turisti e i catanesi possono conoscerla». 

Si tratta della seconda installazione artistica sulla via, dopo la mostra dei lenzuoli bianchi realizzata dall'artista Giuliano Cardella, le cui opere trovano spazio anche in questa rassegna artistica. È di cartella, infatti, la raffigurazione della minna di Sant'Agata (la cassatella). Accanto alle sue, ci sono le opere realizzate da Gabriella Accardo, Amennula, Giuliano Cardella, Enrica Carnazza, Daniele Censabella, Crizzo, Alessandro Famà, Giuseppe Lisciotto in collaborazione con Ester Rizzelli, Ljubiza Mezzatesta, Ramona Mirabella, Fulvia Morganti, Carla Siracusano, Giuseppe Stissi, Sonja Streck, Margheri Teddi, Antonella Verzera. 

La mostra punta poi anche alla riqualificazione di una zona molto cara all’associazione Acquedotte e per la quale la stessa associazione ha presentato diversi progetti: Porta Garibaldi. «Da quando il Comune ha chiuso i bagni pubblici - spiega La Mendola - quella zona è diventata l'urinatoio di chi trascorre i pomeriggi in piazza Palestro». Per questo l’associazione, dopo avere candidato - senza successo - il progetto per la democrazia partecipata, il 9 febbraio metterà le opere al pubblico incanto. «Con il ricavato - dice il direttore artistico - intendiamo proprio riqualificare Porta Garibaldi». Sul piatto ci sarebbe l’installazione di alcune telecamere per prevenire possibili atti di inciviltà e vandalismo. «Ma tutto - conclude - dipende da riusciremo a ricavare dall'asta».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews