Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Estorsero denaro a un imprenditore di Biancavilla
Investigatori li incastrano tracciando le banconote

Per Giuseppe Furnari, Giuseppe Rau e Antonino Distefano, arrestati nell'aprile del 2014, oggi si sono aperte le porte del carcere catanese di piazza Lanza. In una occasione avevano immobilizzato la vittima per toglierli i soldi dalle tasche dei pantaloni

Redazione

Avrebbero offerto la loro «protezione» a un imprenditore agricolo di Biancavilla che, per evitare danni alla sua azienda e ai suoi mezzi, avrebbe versato dai 300 ai 500 euro con cadenza fissa. È per questo che i paternesi GiuseppeFurnari (43 anni), GiuseppeRau (30 anni) e AntoninoDistefano (54 anni) erano stati arrestati dai carabinieri della stazione di Paternò nell'aprile del 2014. Oggi, i giudici della corte d'Appello di Catania hanno stabilito per loro la pena di quattro anni e sette mesi di reclusione nel carcere di piazza Lanza a Catania. 

Giuseppe Rau

Giuseppe Furnari

Antonino Distefano

Stando a quanto emerso durante le indagini, in una circostanza i tre avrebbero anche immobilizzato l'imprenditore per togliergli dalle tasche dei pantaloni il denaro che si era rifiutato di consegnare. A incastrare Furnari, Rau e Distefano fu la capacità degli investigatori di tracciare il denaro estorto. Prima della consegna, le banconote furono fotocopiate. Quando i carabinieri andarono a perquisire le abitazioni degli arrestati rinvennero e sequestrarono il denaro segnato

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews