Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sparatoria Piana di Catania, svolta nelle indagini
Il custode del fondo è stato fermato per omicidio

La procura di Siracusa ha disposto il fermo per il 42enne Giuseppe Sallemi che avrebbe sparato contro quelli che ha ritenuto essere dei ladri di arance. In contrada Xirumi sono rimasti uccisi Massimo Casella e Agatino Saraniti, ferito Gregorio Signorelli

Redazione

Foto di: Ansa

Foto di: Ansa

È arrivata nella tarda serata la svolta nelle indagini sulla sparatoria in un agrumeto nella zona della Piana di Catania in contrada Xirumi al confine tra la provincia di Catania e quella di Siracusa, precisamente nel territorio di Scordia. La procura di Siracusa ha disposto il fermo per duplice omicidio e tentato omicidio del guardiano del fondo, il 42enne Giuseppe Sallemi.

Nella sparatoria sono stati uccisi il 47enne Massimo Casella e il 29enne Agatino Saraniti entrambi di Palagonia ed è stato gravemente ferito il 36enne Gregorio Signorelli

Secondo una prima ricostruzione, al vaglio della procuratrice di Siracusa Sabrina Gambino e del sostituto procuratore Andrea Palmieri, l'uomo avrebbe sparato contro quelli che riteneva fossero dei ladri di arance. Il fermo è stato eseguito dalla squadra mobile di Catania. 

Il 36enne ferito all'addome, che avrebbe alle spalle precedenti penali per reati contro il patrimonio, si trova ancora ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Garibaldi-Centro di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews