Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Studenti in protesta per riapertura dell'ex Hotel Costa
«È chiuso da dieci anni ma ci sarebbero 300 alloggi»

Armati di cartelli, gli universitari sono tornati davanti alla struttura che due anni fa avevano occupato e ribattezzato Studentato Occupato 95100«Vogliamo sapere come e quando questa storia finirà», dicono promettendo di tenere alta l'attenzione 

Marta Silvestre

«Questa struttura sarebbe una risorsa ma invece è chiusa da oltre dieci anni». Gloria, studentessa di Scienze politiche, parla a nome di tutti gli studenti universitari che oggi sono tornati a protestare per chiedere novità sulla riapertura dell'ex hotel Costa. Armati di cartelli gialli e neri di denuncia, dopo circa due anni dall'occupazione - e dal successivo sgombero da parte delle forze dell'ordine - dell'ex residenza universitaria, gli studenti e le studentesse sono ritornati a protestare davanti alla struttura di sette piani per riportare l'attenzione sul tema della carenza di alloggi a Catania.

L'ex hotel Costa, al civico 551 di via Etnea, è stato dal 1976 al 2009 una residenza universitaria affidata all'Ersu con circa 300 alloggi. La struttura è poi stata chiusa per carenze strutturali e bloccata da un contenzioso fra la proprietà e l'ente per il diritto allo studio universitario. Ancora oggi resta con le porte sbarrate «nonostante le promesse di riapertura». A denunciare la situazione di stallo sono i ragazzi che avevano occupato i locali e ribattezzato l'alloggio Studentato Occupato 95100. 

«Già due anni fa l'Ersu si era schierata al nostro fianco - ricordano - promettendo pubblicamente l'impegno di portare a termine la trattativa per la riapertura dello studentato, ma a due anni da quel giorno le porte restano chiuse e nulla è stato risolto». A Catania la carenza dei alloggi per gli studenti universitari è una situazione che si ripropone ogni anno accademico con numeri disarmanti. «Su un totale di 2344 studenti idonei (cioè che, da graduatoria, avrebbero diritto a ricevere un posto letto, ndr), solamente il 27 per cento (circa uno su quattro) ha ricevuto un alloggio per quest’anno», lamenta una studentessa. 

«È difficile stare al passo coi tempi universitari mentre sei costretto a combattere con il mercato immobiliare e a dovere lottare per diritti che dovrebbero essere garantiti. Per questo, per noi - spiega uno studente - ogni immobile come questo non può essere dimenticato». I dati relativi a tutta la Sicilia non mostrano una situazione più florida dispetto a quella etnea: su 16699 idonei solo 12940 sono assegnatari. Numeri che posizionano l'Isola all'ultimo posto della classifica nazionale con un 77,5 per cento di copertura, mentre nessun'altra regionale scende sotto il 93 per cento. 

Con i cartelli gialli affissi oggi sulla facciata dell'ex Hotel Costa «abbiamo fatto la promessa di continuare a tenere alta l'attenzione su questa struttura. Vogliamo sapere dalla nuovissima presidenza dell'Ersu - aggiungono gli studenti - come e quando questa storia andrà a finire». Sono gli stessi giovani che oggi si ritrovano a dovere fare i conti con un processo seguito all'occupazione di due anni fa, durata appena sette ore. «È un paradosso», lamentano. All'epoca, infatti, dopo lo sgombero da parte degli agenti in tenuta antisommossa, ci furono anche dodici denunce. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews