Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le condanne definitive per l'omicidio Caponnetto
Strangolato dal clan per una mancata assunzione

L'8 aprile 2015 Fortunato Caponnetto non ha fatto ritorno a casa. Il suo cadavere non è mai stato ritrovato. Ecco le pene per Carmelo Aldo Navarria, Gianluca Presti, Francesco Carmeci, Gaetano Doria e Stefano Prezzavento 

Salvatore Caruso

È arrivata la sentenza definitiva per gli autori del barbaro omicidio dell’imprenditore agricolo paternese Fortunato Caponnetto, sparito l’8 aprile 2015, vittima di lupara bianca. Ad essere condannati in via definitiva al termine di un processo col rito abbreviato i collaboratori di giustizia Carmelo Aldo Navarria, Gianluca Presti e Francesco Carmeci, condannati i primi due a otto anni ciascuno e il terzo a sei anni di reclusione. Mano pesante invece per Gaetano Doria e Stefano Prezzavento, condannati entrambi a 14 anni. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso contro la sentenza emessa dalla Corte d'assise d'Appello di Catania. 

Al processo erano state ammesse come parti civili la moglie, i figli, il padre e le tre sorelle dell'imprenditore. Parte civile anche il Comune di Belpasso. Non erano state accolte invece le richieste di costituzione presentate da due associazioni antimafia. Confermato pertanto anche il risarcimento da 30mila euro per il danno all'immagine al Comune di Belpasso, parte civile nel processo con l'avvocato Ignazio Danzuso. Gli amministratori belpassesi hanno reso necessaria la costituzione di parte civile in tutti i gradi di giudizio al fine di difendere e tutelare il buon nome e la volontà di riscatto di immagine e morale del Comune. 

«Questa azione giudiziaria - ha specificato il sindaco Daniele Motta -  è una scelta doverosa nei confronti dei nostri concittadini al fine di garantire la predominanza della legalità nel nostro territorio. Riteniamo che questa debba essere una strada che ormai tutte le amministrazioni devono intraprendere». 

Le indagini condotte dai carabinieri suffragate anche dalla testimonianza di alcuni collaboratori di giustizia hanno consentito di ricostruire la tragica fine dell’imprenditore paternese. Dalla ricostruzione fatta dagli inquirenti la vittima sarebbe stata condotta all’interno di un immobile appartenente a Navarria (braccio destro del boss Giuseppe Pulvirenti u Malpassotu),conosciuto negli anni '80 come lo spazzino. Avrebbe avuto, cioè, l'abilità di fare sparire i cadaveri di persone vicine ai clan rivali oppure di esponenti legati alla stessa cosca. La ricostruzione dice che i condannati hanno bloccato con la forza Caponnetto, lo hanno legato, percosso e bloccato «nuovamente dopo un tentativo di fuga – come si leggeva nel dispositivo relativo alla richiesta di rinvio a giudizio - e infine Navarria lo strangolava, provvedendo poi, unitamente ai coindagati, a far scomparire il cadavere, l’autovettura e gli effetti personali della vittima». 

Navarria avrebbe ucciso l’imprenditore a causa di «forti rancori scaturiti dal mancato rispetto, da parte di questi, di impegni di natura economica presi con il Navarria e che tra l’altro coinvolgevano, per aspetti diversi, esponenti del clan Santapaola- Ercolano e del clan Laudani». Il movente sarebbe da addebitare alla promessa non mantenuta da Caponnetto di assumere Navarria presso la propria azienda, preferendogli un presunto appartenente ad altra organizzazione mafiosa operante nel Paternese. La moglie di Navarria, inoltre, è stata licenziata. Uno sgarro che l’ex braccio destro del Malpassotu non gli avrebbe perdonato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews