Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corruzione Anas, torna in libertà l'imprenditore Torrisi
Resta accusato di avere pagato mazzette ai funzionari

La decisione è stata presa dalla giudice per le indagini preliminari Anna Cristaldi, che ha accolto le richieste dei legali del titolare della Sicilverde. L'uomo era stato arrestato nel terzo atto dell'inchiesta Buche d'oro

Redazione

Torna in libertà l'imprenditore santantonese Santo Torrisi. L'uomo, titolare dell'impresa Sicilverde, era stato arrestato nell'inchiesta Buche d'oro sullo scandalo tangenti all'interno dell'Anas. Ad accogliere la richiesta dei difensori di Torrisi, gli avvocato Orazio Consolo e Vincenzo Mellia, è stata la giudice per le indagini preliminari Anna Cristaldi.

Secondo la gip, non ci sono più le esigenze per mantenere la custodia cautelare. Torrisi, che si trovava ai domiciliari, torna così a piede libero ma resta indagato nella maxi-inchiesta sulla corruzione che, da settembre in poi, ha scosso a ripetizione il compartimento direzionale catanese di Anas. 

Dalle indagini sono emersi numerosi casi di pagamento di tangenti da parte degli imprenditori aggiudicatari degli appalti. I soldi sarebbero serviti a ottenere trattamenti di favore in occasione dei controlli sulla corretta esecuzione dei lavori. Nel caso di Torrisi, la procura sostiene che Sicilverde, in cambio delle mazzette, si sia potuta permettere di risparmiare nelle operazioni di scerbatura e cura del verde sulla tangenziale di Catania e la diramazione dell'A18.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×