Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il patron del Calcio Catania è indagato per bancarotta
Al setaccio email, case e uffici della galassia Pulvirenti

Le perquisizioni dei finanzieri mirano a verificare se nei rapporti tra le società del gruppo Finaria si possano trovare le cause del dissesto della Meridi che, per ammissione del management, ha debiti per oltre 90 milioni di euro

Marta Silvestre

«Ricostruire i rapporti tra le società del gruppo Finaria che assumono valore distrattivo o causativo del dissesto della Meridi Srl». È questo il motivo per cui i finanzieri stanno perquisendo tutto il regno che orbita attorno ad Antonio PulvirentiIl patron del Calcio Catania è anche azionista di maggioranza della società capogruppo Finaria Spa: suo è infatti il 90 per cento delle azioni, mentre il restante 10 per cento è di proprietà di sua moglie Antonella Moschetto

Adesso lui, insieme ad altre otto persone, è indagato per il reato di bancarotta fraudolenta nella vicenda Meridi, società per la quale era stata presentata istanza di fallimento e che il tribunale ha affidato a commissari giudiziali. È dalla loro prima nota che emerge «l'assoluta necessità di acquisire corposa documentazione». È stato poi lo stesso management della società a confessare di avere debiti scaduti per oltre 90 milioni di euro

«La peculiarità di tale gruppo di imprese - si legge nel decreto - è sempre stata che la capogruppo Finaria Spa è una società priva di liquidità ma titolare dei principali asset aziendali, mentre l'unica società in grado di garantire un flusso di denaro costante è stata negli anni la società controllata Meridi Srl». Quest'ultima è titolare della catena di supermercati a marchio Fortè in tutta la Sicilia e prima di entrare in crisi, ha rappresentato la principale attività d’impresa in grado di garantire al gruppo flussi costanti di liquidità.

Documenti cartacei e digitali, documentazione contabile ed extra-contabile, sette caselle di posta elettronica con tutte le mail scambiate tra gli indagati e anche con i professionisti incaricati di predisporre le operazioni finanziarie e societarie. Le ricerche dei finanzieri non si concentrano solo nella sede della Meridi ma anche in quelle delle società collegate, negli studi professionali che le hanno assistite e nelle abitazioni degli indagati. La sezione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catania ha autorizzato il sequestro di tutta la documentazione informatica, di server, hard disk, computer e supporti informatici di ogni genere. 

Elenco degli indagati per autoriciclaggio e bancarotta fraudolenta:
- Antonio Pulvirenti
- Davide Franco
- Giuseppe Caruso
- Santi Maria Pulvirenti
- Carmelo Sapienza 
- Santo Barbagallo
- Angelo Agatino Vitaliti
- Valentina Ventimiglia
- Massimo Salvatore Alessandro Cartalemi

Luoghi delle perquisizioni:
- Sede Meridi Srl a Belpasso
- Residenza di Carmelo Sapienza (legale rappresentante di Meridi) a Belpasso
- Residenza di Santi Maria Pulvirenti (figlio di Antonio e legale rappresentante dell'azienda agricola Biorossa) a Belpasso
- Sede dell'azienda agricola Biorossa a Catania (appartenente alla compagine familiare di Pulvirenti)
- Sede Polisportiva Torre del Grifo village a Mascalucia
- Residenza di Antonino Pulvirenti ad Aci Castello
- Residenza di Francesco Cipolla (istitore di Meridi) a Favara (in provincia di Agrigento)
- Residenza di Franco Davide (presidente del consiglio di amministrazione di Finaria e Calcio Catania) a Roma
- Residenza di Giuseppe Davide Caruso (consigliere del consiglio di amministrazione di Finaria e Calcio Catania) a Tremestieri Etneo
- Sede dell'istituto di vigilanza privata Ancr Srl a Belpasso (custode del denaro ritirato presso i punti vendita Fortè)
- Sede della Sicurtransport Spa a Belpasso (precedente gestore del servizio di raccolta del denaro contante dei supermercati Fortè)
- Hotel La Fenice a Belpasso (di proprietà di Meridi e affidato in gestione a una società commerciale della galassia Pulvirenti)
- Studio legale internazionale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & partners a Roma
- Studio del commercialista Fabio Cassi a Messina

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews