Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prete ricattato da una coppia dopo un video erotico
Minacciano lo scandalo e gli estorcono 8mila euro

Un imbianchino di 28 anni è finito agli arresti domiciliari per estorsione aggravata. La vicenda è iniziata nel gennaio del 2019 da una richiesta di amicizia sui social. Il sacerdote ha inviato delle immagini in cui mostra le parti intime e il volto

Redazione

Foto di: Silvia Perucchetti

Foto di: Silvia Perucchetti

Estorsione aggravata nei confronti di un sacerdote. Con l'accusa di questo reato è finito agli arresti domiciliari un imbianchino di 28 anni. Dalle indagini portate avanti dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò, è emerso che la vicenda ha avuto inizio nel gennaio del 2019 quando il prete accetta la richiesta di amicizia sul suo profilo social da parte di un ragazzo. Presentatosi come calciatore dilettante in ritiro con la propria squadra ad Acireale, il giovane racconta di avere una fidanzata ma dichiara di essere anche interessato a nuove esperienze sessuali

Dopo avere inviato qualche foto e avere percepito l'attrazione da parte del prete, il ragazzo lo invita a un incontro in un albergo. Precisa pure che, essendo di un conoscente non ci sarebbe stato bisogno di registrarsi e svelare la propria identità. Il sacerdote, per timore, rifiuta l'invito del ragazzo che, però, continua a inviare foto dal contenuto erotico e chiede all'interlocutore di ricambiare. Fino a quando il prete, cedendo alle lusinghe, manda un video in cui mostra le sue parti intime e il proprio volto riflesso allo specchio.

La sera successiva, il giovane rivela al sacerdote che le immagini erano state viste dalla fidanzata che, per gelosia, le avrebbe inoltrate all’arcivescovo di Catania e alla trasmissione televisiva Le Iene. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, qualche giorno dopo è la ragazza a chiamare il sacerdote e, mostrandosi costernata per quanto accaduto, e a chiedere al sacerdote 3.600 euro per rinunciare a presentare la denuncia. All'appuntamento fissato per il giorno dopo nella villa di Acireale, per paura dello scandalo, il prete consegna il denaro richiesto. 

Con il volto seminascosto da una sciarpa, un copricapo e degli occhiali da sole, la ragazza incassa i soldi e lo rassicura definendosi «una ragazza di chiesa», felice per avere salvato la reputazione di un sacerdote e il suo fidanzamento. Passa poco tempo, però, e la ragazza torna a chiedere al prete altri 4.000 euro accampando la scusa di una gravidanza e dell'esigenza di prendere un'abitazione in affitto dopo essere stata cacciata di casa dal padre

Ancora una volta, il sacerdote cede di fronte alle minacce della divulgazione delle immagini hot. Disperato per i continui messaggi che la ragazza gli manda sui social, dalle telefonate anonime e in un'occasione anche da un affronto in mezzo alla strada, il sacerdote trova il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews