Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pino Maniaci sui manifesti elettorali di destra
«È un errore, non sono mai stato candidato»

Negli ultimi due giorni in diverse città siciliane, compresa Catania, sono apparsi manifesti con il direttore di Telejato a sostegno della Lista del popolo. L'equivoco nasce da un'iniziale proposta realmente avanzata a Maniaci che avrebbe dovuto fare da semplice testimonial. Poi l'avvicinamento del movimento al centrodestra ha spinto il giornalista ad un passo indietro. Ma i manifesti erano ormai stampati. «Essere accostati a Berlusconi, Lombardo e Miccichè è raccapricciante»

Redazione

«Mandiamoli tutti a casa» è lo slogan del movimento politico Lista del popolo, il potere ai cittadini, una delle 169 formazioni ammesse alle prossime elezioni nazionali. Sui manifesti che da due giorni sono comparsi nelle città siciliane ci sono la faccia e il nome di Pino Maniaci, il giornalista di Telejato, emittente di Partinico, che ha fatto della lotta alla mafia una missione di vita. Ma è uno sbaglio. «Pino Maniaci non è mai stato candidato e non lo sarà mai, contrariamente a quanto scritto dai giornali», si legge in una nota pubblicata sul sito della televisione. Inoltre, per smentire ulteriormente l'enorme bufala, nemmeno il figlio di Pino Maniaci potrebbe essere candidato al senato per motivi anagrafici. Insomma, falsità su falsità. A Telejato non si ambisce a nessuna poltrona o candidatura».

Eppure nelle settimane scorse Maniaci era stato vicino dal prestare la sua immagine al nuovo movimento politico. Progetto poi sfumato, ma nel frattempo si era diffusa rapidamente la notizia di una candidatura a sostegno del centrodestra di Silvio Berlusconi e i manifesti elettorali erano già stati stampati. Un errore a cui Maniaci promette che verrà posto rimedio a brevissimo. «Pino Maniaci non ha nulla a che fare con Berlusconi, Raffaele Lombardo, Dell'Utri, Saverio Romano e Miccichè – continua la nota – Ed è nota la sua opinione su tali personaggi. Soltanto il pensiero che l'immagine e la storia di Telejato potessero essere accostati a questi personaggi, appare raccapricciante».

L’equivoco era nato dalla proposta fatta al direttore dall’associazione Libere emittenti siciliane, presieduta da Sebi Roccaro, che intendeva partecipare alle prossime elezioni politiche con una lista propria, per difendere i diritti delle piccole televisioni, in crisi dopo l’avvento del digitale terrestre. Maniaci avrebbe dovuto prestare solo il volto, senza candidarsi. «Si era parlato di un eventuale apparentamento tecnico con il Partito Democratico che alla fine è stato declinato ed ha trovato, invece, pronto il centrodestra ad accoglierlo», spiega ancora la nota. Maniaci, saputo l’esito delle trattativa a cose fatte, ha quindi deciso di tirarsi indietro.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×