Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, oggi la giornata di mobilitazione
Eventi in tutta Italia, ma i lavori continuano

Mentre sembra essersi arenata la decisione dei vertici della Regione di bloccare i lavori di costruzione dell'impianto militare Usa a Niscemi, oggi in tutto il Paese sono in corso manifestazioni per dire no al Muos. Nella cittadina nissena nel pomeriggio gli attivisti gireranno per strada armati di strumenti musicali e vestiti colorati. Nel Catanese un gruppo ha presidiato i cancelli della ditta fornitrice della grande gru necessaria all'innalzamento delle antenne

«I lavori sarebbero sospesi, eh?». La foto della grande gru all'opera all'interno della base militare di Niscemi non lascia spazio a diverse interpretazioni: a dispetto delle dichiarazioni provenienti dalla Regione siciliana, la costruzione del Muos - il sistema militare di antenne satellitari del governo degli Stati Uniti - va avanti a pieno ritmo. Mercoledì c'era stato l'incontro tra il segretario alla Difesa degli Stati Uniti ed ex capo della Cia Leon Panetta e il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola al termine del quale sono stati lasciati pochi dubbi sul destino dell'impianto: «Il sistema satellitare della Marina militare statunitense da installare in Sicilia - ha dichiarato Di Paola - è un asset strategico per l’Alleanza atlantica, non solo per gli Stati Uniti. È una presenza importante che va portata avanti».

D'altro canto, nonostante le dichiarazioni rilasciate dal governatore siciliano Rosario Crocetta all'indomani dello scontro tra militanti e forze dell'ordine e la votazione dell'Ars che ha chiesto il ritiro delle autorizzazioni, non è stato ancora emesso alcun atto ufficiale che blocchi la costruzione del Muos. E il divario tra i rappresentanti della Regione e gli attivisti sembra aumentare sempre di più: l'incontro con l'assessore all'Ambiente Mariella Lo Bello di giorno 10 è stato rinviato, gettando nello sconforto la delegazione. «Non l’abbiamo vista e continua a prendere tempo perché in realtà non sanno cosa fare», dice a Ctzen Fabio D’Alessandro del comitato niscemese.

Per continuare a tenere alta l'attenzione sul tema, oggi sono stati organizzati sit in, incontri e iniziative in tutta Italia per quella che è stata dichiarata giornata nazionale di mobilitazione No Muos. Da Bologna a Cagliari, passando per Venezia, Torino e Roma. Centro nevralgico di tutte le manifestazioni rimane Niscemi: nella mattinata sono stati gli studenti delle scuole superiori a sfilare per le vie del centro. Nel pomeriggio sarà la volta dell'«allegra informazione e resistenza». «Armati di chitarre, bonghi, palloncini e vestiti colorati, gireremo per la città, con un'iniziativa che divertirà noi e voi; perché - spiegano gli organizzatori - alla repressione dello Stato noi rispondiamo con un sorriso».

Palermo al presidio locale si è aggregato il gruppo della Critical mass che ha organizzato una pedalata per dire no all'impianto. A Catania un gruppo di una cinquantina di manifestanti si è raccolto davanti alla prefettura.  Qualche bandiera, uno striscione, un ragazzo che dipingeva temi no Muos su un lenzuolo bianco in mezzo ai passanti di via Etnea. La giornata per gli attivisti catanesi è iniziata con un presidio a Belpasso davanti alla sede della Comina srl, fornitrice della grande gru che per settimane ha incarnato il più grande timore degli attivisti. A presidiare i cancelli sbarrati della ditta, una quindicina di persone che si sono limitate a stare ai margini della strada provinciale sventolando le bandiere. Il tutto sempre sotto l'occhio della polizia che, sostengo loro, li abbia ripresi. «Ci siamo fatti riprese a vicenda, possiamo chiedere alla polizia per il controcampo», hanno detto scherzosamente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×