Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le strade provinciali sono discariche a cielo aperto
Bomba ecologica sulla sp 57 tra Paternò e Belpasso

La Città metropolitana dovrebbe occuparsi degli interventi di manutenzione, ma non vengono effettuati da tempo. I Comuni i cui terreni si affacciano sulla strada per Ragalna hanno scritto alla ex provincia per chiedere la bonifica urgente. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Una vera e propria discarica a cielo aperto si trova lungo la strada provinciale 57 Paternò-Ragalna nell'area di contrada Feudo San Vito, ricadente nei territori di Paternò e Belpasso. Una bomba ecologica che si estende per oltre un chilometro e mezzo con rifiuti di ogni genere depositati da cittadini sporcaccioni ai margini della strada, soprattutto in prossimità delle curve, creando in primis un serio pericolo per gli automobilisti in transito sulla strada provinciale 57. Immondizia anche all’interno dei fondi agricoli privati, con ingressi praticamente bloccati dalla spazzatura, oltre che in aree demaniali. Dai rami di alcuni alberi che si affacciano sulla strada pendono anche dei sacchetti di plastica che contenevano dei rifiuti. 

In questa discarica non autorizzata si trova uno di tutto: eternit, carcasse di elettrodomestici nonché di animali, medicine scadute, pezzi di sanitari, pneumatici bruciati, abiti, scarpe, materiale di risulta, alimenti in scatola. Un odore nauseabondo rende l’area in quel tratto di strada irrespirabile. Uno o più incoscienti avrebbero dato fuoco a un cumulo di rifiuti localizzati in uno spiazzo antistante l’ingresso di una proprietà privata. Alla rimozione dell’immondizia e alla bonifica dell’area dovrebbe procedere, sulla carta, la Città metropolitana di Catania

Per ovviare allo scempio sulla provinciale 57 il Comune di Paternò, su iniziativa dell’assessore all’Ecologia Luigi Gulisano ha inviato una nota all’ente comunale belpassese, in cui si invita l’amministrazione Belpasso a effettuare in tempi brevi un intervento congiunto per la pulizia dei rifiuti abbandonati e la rimozione delle microdiscariche esistenti nel tratto di stradale a confine con i territori comunali di Paternò e Belpasso. «Riteniamo che solo attraverso una azione congiunta si potrebbe essere più incisivi – ha detto Luigi Gulisano – Noi non possiamo aspettare, anche se alla bonifica della zona deve procedere la ex provincia regionale di Catania. Ma non possiamo aspettare». 

L’assessore belpassese all'Ambiente Salvo Pappalardo ha evidenziato che la strada è di competenza della Città metropolitana, ente contro il quale il Comune di Belpasso ha in atto un contenzioso per altre discariche che «ricadano nel territorio per strade non di nostra competenza. È massima la disponibilità del Comune di Belpasso nel sollecitare gli enti preposti alle bonifiche delle micro-discariche. Personalmente rinnovo l’invito ai cittadini a segnalare ogni tentativo di abbandono di rifiuti indifferenziati». Stamattina, intanto, i Comuni di Paternò e di Belpasso si sono incontrati e hanno deciso di inviare una nuova lettera, stavolta congiunta, alla Città metropolitana di Catania per chiedere interventi urgenti

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews