Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tenta di fuggire dall'esplosione ma viene travolto
Così è morto l'ennesimo giovane ladro a Librino

Le immagini del sistema di videosorveglianza descrivono la dinamica: arrivano in due, armeggiano con il distributore di sigarette, poi scappano in due direzioni diverse. Uno ci ripensa, torna indietro, ma in quel momento avviene lo scoppio. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Chi ha visto le immagini del sistema di sorveglianza del tabacchi di viale Castagnola, a Librino, ha pochi dubbi sulla dinamica: arrivano in due, uno più robusto e un altro più mingherlino, con il volto coperto. Armeggiano con il distributore automatico di sigarette all'esterno e poi scappano a ripararsi. Uno in una direzione e uno nell'altra. Pochi istanti dopo, l'altro ci ripensa e si sposta. Correndo si dirige verso un casotto dell'energia elettrica: lì dietro aveva trovato protezione il suo complice. Ma proprio mentre si trova davanti alla macchinetta, quest'ultima esplode. Lo scoppio, potentissimo, lo travolge. Il complice scappa, lui muore. È il 19enne Agatino Giustino, residente a Librino ma molto noto al Villaggio Sant'Agata.

Solo nel tardo pomeriggio è stato possibile identificare la vittima, anche per via delle conseguenze che l'esplosione ha avuto sul suo corpo, sbalzato sulla strada. La salma è rimasta per qualche ora sull'asfalto, riparata dalla coperta termica delle forze dell'ordine. Quando è stata rimossa e i rilievi della scientifica sono terminati, sul posto sono arrivati gli operai della Dusty a spargere disinfettante dove prima c'erano il sangue e i resti della vittima. In mattinata, il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Graziano Bonaccorsi, proprietario dell'esercizio commerciale, è andato a sporgere denuncia alla caserma dei carabinieri di San Giorgio.

Gli accertamenti delle forze dell'ordine sono in corso. Bisogna intanto identificare la vittima e comprendere la tipologia di bomba che è stata utilizzata. La potenza della deflagrazione, i cui resti sono arrivati fino a un istituto bancario dall'altra parte di viale Castagnola, è stata devastante. «Ci sono pezzi anche nei balconi sopra al mio», racconta una residente del palazzone al cui pianterreno si trova la tabaccheria. «Mi sono svegliata con lo scoppio fortissimo - dice - ho avuto paura, mi sembrava un terremoto». La recinzione di un palazzo accanto è completamente deformata.

Intorno alle 11, alcuni esercenti della zona hanno cominciato a gettare acqua e candeggina sulla strada. «Almeno il sangue non si vede più», dicono. Pulendo anche un furgoncino bianco su cui erano rimasti degli schizzi. Non è chiaro se la vittima fosse di Librino, però il quartiere è sgomento. Si tratta dell'ennesimo ladro morto in pochi giorni. Il 9 febbraio sono stati uccisi a colpi di fucile Agatino Saraniti (18 anni) e Massimo Casella (47), residenti nel quartiere satellite, durante un furto di arance alla Piana di Catania che si è trasformato in una carneficina. Sullo scoppio di questa notte la procura di Catania ha aperto un'inchiesta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews