Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Duomo e piazza Dante, via a pedonalizzazione

Redazione

Con l’emanazione del primo provvedimento per piazza Duomo e piazza Dante, entra nel vivo la concreta attuazione della delibera di Giunta Comunale n° 8 del 24 gennaio 2020 ad oggetto:“Istituzione di Area Pedonale in varie vie e piazze della Città” che riguarda la pedonalizzazione di numerose zone cittadine, alcune dei quali già Ztl e il necessario riordino con relativa regolamentazione con nuovi interventi di segnaletica e posa in opera di dissuasori in grado di inibire l’accesso alle auto. In quello che l’Amministrazione considera solo un primo step del più ampio piano di interventi di regolamentazione, in tutta piazza Duomo è stata istituita l’interdizione della circolazione di tutti i veicoli ad eccezione dei mezzi in emergenza e dei mezzi di trasporto pubblico locale a bassa emissione, Euro 6 o con alimentazione a gas metano o di dimensioni massime di metri 8,00, con relativo divieto assoluto di accesso dalla Porta Uzeda dove verrà posizionato anche un dissuasore.In conseguenza di ciò, non potranno più attraversare piazza Duomo i taxi e i bus turistici, che verranno diversamente posizionati. In questa fase diventano pedonali anche i piccoli tratti di via Garibaldi da piazza Duomo fino a via Spadaro Grassi e via Vittorio Emanuele, da piazza Duomo a via Raddusa. Dalle ore 16 di ogni sabato, le domeniche e nei giorni festivi, invece, piazza Duomo verrà interdetta anche ai bus, come sperimentazione di interdizione totale e dunque anche ai mezzi di trasporto pubblico.

Il provvedimento, che è già pubblicato nell'area Amministrazione Trasparente del sito internet del Comune msollecitato dal sindaco Salvo Pogliese e dall'assessore alla mobilità Giuseppe Arcidiacono quale avvio del piano, riguarda anche piazza Dante che nella parte centrale verrà interdetta alla circolazione viaria per valorizzare il sagrato della Chiesa di San Nicolò l’Arena e l’ingresso del monastero dei Benedettini, entrambi siti culturali di grande valore architettonico molto frequentati dai turisti.

Anche per questo il sindaco ha sollecitato Direzioni comunali e società partecipate a evitare in maniera assoluta che mezzi aziendali, di ogni genere e tipo, violino illegittimamente l’area riservata esclusivamente ai pedoni, fatte salve le limitatissime eccezioni espressamente indicate dal provvedimento c

“La nostra impostazione - ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese - è quella di procedere con gradualità per valorizzare senza inutili contrapposizioni le parti più belle del nostro barocco, tenendo conto tuttavia dei tanti fattori che caratterizzano la Città. Anzitutto la conformazione settecentesca del nostro centro storico con pochissime strade larghe e ristretti spazi di deflusso. Ma anche la cronica carenza numerica dei vigili urbani che sono appena un terzo di quelli necessari e la vocazione commerciale che va contemperata con quella turistica. Lo stiamo facendo mettendo ordine anche da un punto di vista formale a scelte del passato non sempre tra loro omogenee e coerenti, con una visione unitaria finalizzata a guadagnare, metro dopo metro, la libera fruizione pedonale di parti del centro storico spesso rimasti tali solo sulla carta al fine di valorizzare il patrimonio monumentale. E’ auspicabile per questo -ha concluso il primo cittadino- che ci sia l’indispensabile collaborazione dei cittadini e delle associazioni che hanno sinceramente a cuore il valore della mobilità sostenibile, un piano che l’assessore Arcidiacono porta avanti con il dialogo aperto a 360 gradi, tenendo conto delle effettive condizioni di contesto urbano del nostro centro storico e delle reali possibilità di incidere su abitudini poco inclini al rispetto delle regole”.

Nelle zone interessate a questo primo provvedimento, si stanno apponendo i cartelli, la segnaletica e messi in opera i dissuasori in piazza Dante, il nuovo sistema entrerà in vigore progressivamente con il completamento delle attività di sostituzione della vecchia segnaletica. A questo proposito in via Crociferi, purtroppo spesso invasa dalle auto in sosta soprattutto nelle ore notturne, sono stati sistemati i paletti per impedire l’accesso delle vetture che abusivamente violavano uno dei percorsi più frequentati dai turisti.

L’assessore alla mobilità Giuseppe Arcidiacono nel ribadire che “intento dell’Amministrazione è allargare progressivamente le zone interdette alle auto” ha precisato che la fase operativa verrà completata in tre/quattro giorni in modo da mettere a regime le nuove disposizioni.

L’assessore Arcidiacono ha inoltre annunciato che il prossimo passo, tra qualche settimana, parallelamente alla chiusura di altre vie di piccola dimensioni, sarà l’effettiva pedonalizzazione del tratto di via Etnea dalla Collegiata fino a piazza Stesicoro, attualmente solo Ztl, con la deviazione dei bus urbani ed extraurbani su Corso Sicilia.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews