Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

In piazza Carlo Alberto un murale per Mustafa Doma
La storia del primo calciatore africano in rossazzurro

L'opera dello street artist reggiano Simone Ferrarini ha visto la partecipazione attiva e l'interesse dei ragazzi del San Berillo Calcio Junior. L'autore sottolinea: «Il primo, vero idolo dei tifosi catanesi arrivava dalla Libia e giocava a piedi nudi»

Giorgio Tosto

Una storia da romanzo per un capitolo della Catania calcistica che finora è stato praticamente dimenticato. Il nome di Mustafa Doma, con tutta probabilità, non direbbe nulla neanche ai tifosi più appassionati. Dietro il suo nome, però, si cela una vita intensa, anche se durata troppo poco, e tante particolarità che valgono la pena di essere raccontate. Il primo vero funambolo che ha fatto sognare i supporter etnei non era siciliano e neanche europeo: si trattava di un ragazzo nato a Bengasi nel 1908 e arrivato dalla Libia nel 1929 per aggregarsi a quella che all'epoca era denominata Società Sportiva Catania, creata ad hoc per disputare il primo campionato nazionale di seconda divisione.

Una stagione terminata al nono posto (con un successivo ripescaggio nella serie superiore) che aveva avuto due protagonisti: uno è Nicolò Nicolosi, è ricordato ancora oggi come uno dei più grandi cannonieri rossazzurri. L'altro è proprio Mustafa Doma, terzino che faceva delle doti fisiche e tecniche il suo punto di forza. A celebrare l'atleta con un murale, presente da qualche giorno in piazza Carlo Alberto, è stato l'artista Simone Ferrarini: un emiliano che spesso, per lavoro, è presente nell'Isola. «Assieme al collega Luca Prete - racconta a MeridioNews - avevo pensato di creare un'opera da dedicare a tutte quelle persone giunte qui attraverso gli sbarchi. Siamo andati in cerca di una storia positiva e ci siamo imbattuti in quella di Mustafa Doma. Ho cercato di lui sui social - ricorda l'intervistato - senza trovare granché».

L'illuminazione arriva all'improvviso: «Lo scorso Natale sono stato contattato da Mohammed, ragazzo libico e appassionato di calcio italiano che ha intercettato il mio vecchio appello pubblicato sui social». É stata la svolta. «Mohammed mi ha inviato alcune immagini di Mustafa, raccontandomi la sua storia completa. Ho così scoperto che Doma ha iniziato a giocare in una squadra libica chiamata Simperi Bronte (fondata da persone emigrate lì dalla cittadina etnea, ndr), arrivando in Sicilia proprio per giocare col Catania. Era fortissimo - ribadisce Ferrarini - e giocava nell'allora campo del dopolavoro ferroviario di Acquicella a piedi nudi, incantando il pubblico». Un particolare che acquisisce sostanza grazie a una foto d'epoca, in cui Mustafa viene definito «acrobatico terzino della S.S. Catania».

L'anno successivo il calciatore non veste più il rossazzurro. Il ritorno in Libia, che lo vede prima giocare per l'Al-Sabri e poi fondare l'Al-Falagr, ha però risvolti tragici. Nel 1944 viene infatti ucciso in circostanze mai chiarite da un soldato italiano: «Una morte per cui non ha avuto giustizia - ricorda Ferrarini - dato che, stando alle informazioni raccolte, lo Stato ha tutelato il militare in questione, dichiarandolo infermo mentalmente». Una storia tragica e avventurosa al tempo stesso che ha spinto Simone Ferrarini a dedicargli un piccolo murale in piazza Carlo Alberto. Il luogo scelto non è casuale: ogni domenica pomeriggio, proprio in quello slargo, gioca il San Berillo Calcio Junior, squadra multietnica di quartiere che riunisce ragazzini provenienti da ogni angolo del globo. 

«Tutti i campi - ricorda lo street artist - hanno un nome. Dare una sorta di targa alla piazza è stato importante, anche per ricollegare idealmente due tipi di calcio molto vicini tra loro: quello giocato in uno spiazzo in cemento: è così per i ragazzi di San Berillo, lo è stato molti anni fa per Mustafa Doma». Gli stessi componenti della squadra, poi, si sono interessati al lavoro di Ferrarini, aiutandolo e riempiendolo di domande: «Quando ho spiegato loro la storia erano felicissimi: si sono sentiti immedesimati. É giusto - conclude - che Catania inizi a ricordare la figura di questo pioniere del calcio africano: uno dei primi idoli che abbia mai vestito la maglia rossazzurra».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews