Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picerno-Catania 1-2, rimonta di cuore e carattere
Curcio con una doppietta ribalta la squadra lucana

Il Catania conquista la seconda vittoria consecutiva in trasferta, blindando di fatto la permanenza in terza serie. Squadra sempre più solida e compatta, brava a reagire allo svantaggio iniziale: l'eroe di giornata è Alessio Curcio, autore dei gol decisivi

Giorgio Tosto

Foto di: Eleven Sports

Foto di: Eleven Sports

Cristiano Lucarelli ha compiuto un capolavoro: quello di trasformare una squadra che faceva acqua da tutte le parti e che perdeva puntualmente ogni trasferta subendo valanghe di reti in un collettivo compatto e solido, prima di tutto dal punto di vista mentale. Una squadra che non ha sbandato neanche dopo i primi, difficoltosi venti minuti, in cui il Picerno è passato in vantaggio e ha rischiato di raddoppiare. Il cambio modulo, arrivato in corsa, ha ridato linfa a un gruppo che non si è disunito, ribaltando il risultato in cinque minuti grazie ad Alessio Curcio, un trequartista adattato a prima punta. Un Catania da trincea che, poi, è stato abilissimo a blindare il punteggio con una ripresa impeccabile a livello difensivo: i tre punti di oggi consegnano al Catania il settimo posto a quota 41 e, soprattutto, un + 12 sulla zona play-out che consegna di fatto la salvezza anticipata

Lucarelli mischia le carte e presenta una squadra senza punte di riferimento. Turno di riposo per Beleck, con Curcio che agisce da falso nove. Barisic si fa male nel riscaldamento e viene rimpiazzato da Di Molfetta: esordio dal 1' anche per Capanni. In mediana Rizzo e Biagianti sostituiscono Salandria e Vicente. I ritmi sono inizialmente bassi, ma il Picerno si fa preferire per la velocità con cui cerca di infilzare il Catania nelle sue veloci ripartenze. Al 5' punizione di Vrdoljak ribattuta, con Pitarresi dalla distanza che impegna Furlan in un doppio impegnativo intervento. Qualche minuto dopo show della coppia avanzata Cecconi-Santaniello sulla sinistra: il passaggio filtrante di quest'ultimo viene sventato a fatica dalla difesa. Il vantaggio giunge al 17' proprio con Santaniello: Squillace crossa da sinistra, Mbende perde il contatto con la punta di casa che con una zampata anticipa Furlan in uscita.

Il Catania è in difficoltà ma non accusa più di tanto il colpo, provando a stanare il Picerno con azioni prolungate palla a terra che, però, peccano di precisione. Picerno pericoloso di rimessa: al 31' Pitarresi crossa da destra, il solito Santaniello sfugge a Calapai ma per centimetri manca l'appuntamento col 2-0. Quattro minuti dopo Pitarresi si insinua tra le maglie difensive avversarie, ma scocca un destro impreciso da buona posizione. Proprio nel momento meno atteso arriva la riscossa del Catania che, in cinque minuti, ribalta tutto. Al 35' Capanni mette in area un cross teso, Silvestri fa una bella sponda e mette Curcio nelle condizioni di correggere sotto porta per l'1-1. Al 41' giunge addirittura il sorpasso: incursione di Di Molfetta atterrato in area, l'arbitro indica il dischetto con Curcio che, freddissimo, spazza Pane per il 2-1. Grande festa per i quasi cinquanta sostenitori arrivati dal capoluogo etneo.

Nella ripresa Lucarelli conferma il nuovo vestito tattico, adottato dopo aver subito lo svantaggio. Un 3-4-3 con Curcio, Capanni e Di Molfetta avanzati e Biondi arretrato ad esterno di centrocampo. Mister Giacomarro, dall'altra parte, mette dentro tutti i giocatori offensivi a disposizione: entrano gli esterni Guerra e Vanacore e i brevilinei e fantasiosi Esposito e Nappello. I primi due al 53' sfiorano il pari: cross di Guerra, Vanacore va di testa a incrociare e per un soffio non batte Furlan. Lucarelli capisce che è il momento di inserire forze fresche, facendo uscire l'eroe di giornata Curcio per Beleck: dentro anche Welbeck ed Esposito al posto di Capanni e Biondi. Un 3-5-2 modello fortino che ha il compito di reggere fino alla fine. 

Una missione che il Catania porta a compimento, soffrendo il giusto. Nappello calcia una punizione fuori di un soffio: Furlan, poi, anticipa il neo entrato lanciato a rete, evitando il peggio. Il Picerno ci prova con pazienza, tentando di lavorare i rossazzurri ai fianchi: gli uomini di Lucarelli, però, sono chiusi e attentissimi. Gli ultimi dieci minuti sono di pura difesa: l'unico brivido arriva all'87', con la botta di Nappello murata da un attento Esposito. Il triplice fischio vede la festa e gli abbracci di tutto il gruppo, per una vittoria dal peso specifico elevatissimo. Adesso, come detto dallo stesso tecnico rossazzurro, può cominciare un nuovo campionato, dove il Catania ha la possibilità di divertirsi a fare il guastafeste: domenica, al Massimino, arriva la Vibonese

Il tabellino: 

Picerno-Catania 1-2

Marcatori: 17' Santaniello, 36' e 41' Curcio

Picerno (3-5-2): 22 Pane; 26 Priola, 6 Ferrani, 15 Lorenzini; 24 Melli (52' Vanacore), 10 Kosovan (87' Donarumma), 27 Vrdoljak (52' Esposito), 5 Pitarresi, 33 Squillace (52' Guerra); 9 Santaniello, 18 Cecconi (64' Nappello).  All. Giacomarro.

Catania (4-2-3-1): Furlan; 26 Calapai, 3 Mbende, 5 Silvestri, 20 Pinto; 18 Rizzo, 27 Biagianti (74' Salandria) ; 21 Biondi (59' Esposito), 8 Di Molfetta (83' Mazzarani), 7 Capanni (59' Welbeck); 10 Curcio (59' Beleck). A disp. Martinez, Esposito, Marchese, Vicente, Di Grazia, Salandria, Mazzarani, Welbeck, Manneh, Beleck, Barisic. All. Lucarelli.

Arbitro: Valerio Maranesi della sezione di Ciampino.

Note: ammonito Calapai (Catania), Priola (Picerno). Recupero 5'.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews