Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Imprenditoria digitale in Sicilia: non è impossibile
«Noi giovani? Dobbiamo iniziare a condividere idee»

Nelle scorse settimane, 20 giovani da cinque Paesi del mondo si sono incontrati a Catania per condividere idee e sviluppare progetti innovativi. Il progetto si chiama Youth empowerment by entrepreneurial skills ed è stato realizzato con fondi europei

Giorgio Tosto

«Cosa ho imparato? La parola chiave è open: apertura, velocità, elasticità, confronto, umiltà e predisposizione a condividere le proprie idee. Devono essere questi i concetti che stanno alla base dell'imprenditoria giovanile. Esporre ad altri le proprie intuizioni può portare a un arricchimento. Da un'idea semplice si possono fare grandi cose». Valentina, 32 anni, ribalta in una frase tutti i luoghi comuni sulla difficoltà nel creare impresa in un Sud che sembra sempre più avaro di opportunità per gli under 35: un inno ad avere coraggio, da parte di una ragazza che ha deciso di rimanere a Catania per realizzarsi a livello professionale.

Laureata in Giurisprudenza e componente di Generazione Ypsilon (associazione di promozione della cultura digitale), Valentina è una dei quattro partecipanti catanesi del progetto transnazionale Yes, acronimo di Youth empowerment by entrepreneurial skills: finanziato attraverso il programma europeo Erasmus+, vede tra i partner coinvolti anche l'azienda catanese Jo consulting, che si occupa di finanziamenti europei. Il capoluogo etneo è stato scelto come sede per le sessioni iniziali di Yes: un'opportunità che ha permesso l'incontro di 20 giovani provenienti da Italia, Olanda, Cipro, Gran Bretagna e Lituania. L'obiettivo è semplice e ambizioso al tempo stesso: fornire a ciascun ragazzo le basi per creare la propria impresa, attraverso la combinazione di attività didattiche frontali, e-learning, testimonianze di imprenditori, visite aziendali, attività di gruppo e seminariali. 

Un mix che ha permesso a Valentina e agli altri partecipanti di conoscere realtà che costituiscono vere e proprie avanguardie nel territorio etneo. Come Free mind foundry, il co-working di Acireale, o il Tim joint open lab, della Cittadella universitaria di Catania. Un laboratorio di ricerca basato sulla formula della co-location: spazi aperti che integrano il lavoro di ricercatori di discipline diverse, allo scopo di acquisire conoscenze utili ad aprire nuove strategie aziendali e opportunità commerciali.

Non sono poi mancati gli incontri via web con alcuni giovani imprenditori siciliani che hanno portato avanti idee di successo. Uno di loro è Danilo Mirabile, fondatore con altri cinque soci di Beentouch: una sorta di Skype che permette di effettuare chiamate audio e video anche con una scarsa connessione di rete, progetto rivolto ai Paesi in via di sviluppo. O ancora di Giovanni Milazzocreatore di Kanesis: una start-up in grado di ricavare materiali plastici dagli scarti vegetali (tra cui, ad esempio, la canapa e il pomodoro).

«È importante, per ciascuno di noi - continua Valentina - comprendere che non si è da soli: anche l'idea più banale può portare a qualcosa. Ciò che conta è confrontarsi, organizzarsi e creare gruppi di lavoro eterogenei per unire quante più diverse competenze è possibile». Il tutto anche sfruttando quando messo a disposizione dall'Europa, generosa verso l'imprenditoria giovanile: «Partire dal basso e fare rete sarà la vera rivoluzione per la nostra terra».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews