Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, la seconda stagione del processo
Il teste più atteso è ancora La Causa

Continuano, dopo la pausa estiva, le udienze del procedimento che indaga le presunte collusioni tra politica, imprenditoria e Cosa nostra a Catania e provincia. Tra testimoni imputati in un altro stralcio di questo mega-filone che si rifiutano di rispondere alle domande dei magistrati e un solo protagonista: l'ex boss del clan etneo Santapaola, già sentito nella scorsa udienza, e con ancora molto da raccontare

Claudia Campese

Seconda stagione con un unico protagonista per il processo Iblis, che indaga le presunte collusioni tra politica, imprenditoria e Cosa nostra a Catania e provincia. Il rito ordinario - uno dei diversi stralci del procedimento che coinvolge anche l'ex governatore siciliano Raffaele Lombardo - prosegue dopo la pausa estiva nelle aule giudiziarie del carcere di Bicocca. Le udienze più attese sono quelle in cui al banco dei testimoni viene chiamato il collaboratore di giustizia Santo La Causa, ex esponente di spicco del clan etneo Santapaola. Una prima parte delle sue deposizioni sono già state ascoltate in aula, ma La Causa ha ancora molto da raccontare. Al contrario degli altri testi chiamati oggi, imputati nel processo connesso che fa sempre parte di Iblis ma si è invece svolto con il rito abbreviato.

«Mi avvalgo della facoltà di non rispondere». Poche parole, una formula di rito, quelle pronunciate da Agatino Verdone e Felice Naselli, assolto il primo e condannato il secondo a due anni e otto mesi per intestazione fittizia di beni. Una sentenza di primo grado, non definitiva. «Benissimo», l'asciutta risposta del presidente del tribunale. Un esito previsto, considerato il rifiuto a rispondere alle domande dei magistrati opposto anche dagli altri imputati del procedimento connesso chiamati come teste in aula nelle scorse udienze. Stamattina, molti non si sono nemmeno presentati. C'è chi come Agatino Santagati – condannato a due anni, due mesi e venti giorni per lo stesso reato di Naselli – ha inviato una lettera all'accusa: «Ha scritto di essere impegnato oggi per precedenti impegni professionali ma di non avere comunque intenzione di rispondere alle domande», riferisce in aula il pm Agata Santonocito.

Giovedì prossimo è invece attesa la seconda – e non ultima – parte della deposizione del collaboratore di giustizia Santo La Causa. Arrestato l'ultima volta nel 2009pentitosi ad aprile 2012, era considerato dai magistrati il reggente del clan etneo. «A Catania il capo dell’organizzazione Cosa nostra è Vincenzo Santapaola», rivelerà invece lui stesso. Il figlio di Nitto, «un fantasma», secondo La Causa, che «non si è fatto conoscere come tale (come capo, ndr) da tutti i componenti dell’organizzazione». Nella scorsa udienza, come riporta Dario De Luca su Sud Press, l'ex esponente della criminalità organizzata etnea ha raccontato i passaggi della sua stessa affiliazione a Cosa nostra: accompagnato dal padrino Nino Santapaola attraverso il rito della punciuta del dito. La Causa ha poi proseguito riferendo ai magistrati la sua versione delle cause che hanno portato all'omicidio di Angelo Santapaola e di Nicola Sedici, per cui è in corso un altro procedimento, sempre stralciato dal filone Iblis, davanti alla Corte d'Assise.

Dettagliati sono stati anche i racconti di La Causa sulla riorganizzazione di Cosa nostra voluta da Vincenzo Santapaola tra il 2005 e il 2009 e che aveva come capitale catanese della criminalità il quartiere Picanello. Considerato dai cittadini ormai meno a rischio di altre zone simbolo come Librino, è invece secondo il pentito quello a più alta densità mafiosa. Silenziosa, come da disposizioni del nuovo capo, Santapaola jr, anche lui imputato nel procedimento Iblis e al momento detenuto nel carcere di Rebibbia.

[Foto di Google Maps]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×