Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coop, a rischio 400 posti nella grande distribuzione
«Segnali allarmanti di possibile addio alla Sicilia»

Manifestazione davanti il centro commerciale Katanè. Il gruppo manda segnali di disimpegno, in cambio di turni più flessibili c'era stata l'ipotesi di apertura di nuovi punti vendita. «Lavoratori spremuti e impegni disattesi», dicono i sindacati a MeridioNews

Carmelo Lombardo

La crisi della grande distribuzione ai piedi dell'Etna avvolge anche la Coop. La storica catena di supermercati, gestite sotto il marchio delle cooperative da più di settant’anni, in Sicilia sembra non navigare più in acque tranquille. Lo sciopero di ieri mattina al centro commerciale Katanè di Gravina di Catania ha sdoganato quelle che da qualche mese sembravano soltanto delle frizioni interne.

Alla mobilitazione dei lavoratori all'ingresso del supermercato hanno partecipato anche le sigle sindacali di categoria: Cgil, Cisl, Uil, Filcams, Fisascat e Uiltucs Catania. La contestazione al gruppo bolognese è principalmente quella dnon avere rispettato gli accordi stipulati nel 2017, quando Coop Sicilia e Coop Alleanza 3.0 – gruppo di sud e nord Italia -, avevano promesso di aumentare il numero di punti vendita, garantendo l’occupazione degli esuberi che si erano creati a causa di perdite di fatturato sempre più ingenti. Per il momento, i lavoratori a rischio sarebbero 400 e tutti in provincia di Catania, ma la crisi potrebbe allargarsi a macchia d’olio in tutta la regione.

«Non c’è stata nessuna apertura dei sette nuovi punti vendita promessi e nessun rilancio aziendale, piuttosto si sono ridotti i metri quadri dei negozi – osserva a MeridioNews Rita Ponzo di Cisl -. Dall’altro lato, però, i lavoratori sono stati spremuti e hanno pagato con la flessibilità e con i contratti di solidarietà». In tutto ciò, non si sono rinnovati i contratti per i fitti dei locali, che sono stati prorogati fino a settembre. E, come se non bastasse, non sarebbero stati rinnovati i contratti dei dipendenti, sempre come auspicato dall’azienda da accordo principale, costringendo i lavoratori a non beneficiare di ammortizzatori sociali.

Una crisi, questa del marchio Coop, che si va ad aggiungere al periodo nero per il settore della grande distribuzione in tutto il Catanese. Non solo i grandi marchi nazionali vanno via dal territorio: il gruppo Fortè, del patron del Calcio Catania Antonino Pulvirenti, naviga a vista e il destino è appeso a un sottile filo. Soprattutto dopo le perquisizioni delle scorse settimane a opera della guardia di finanza.

«In una situazione in cui l’azienda sembra non volere un confronto, l’unico mezzo che abbiamo è lo sciopero – continua la sindacalista  tornando su Coop -. La grande distribuzione ha subito un picco senza precedenti. In questo scenario, Coop aveva la possibilità di allargarsi, ma non lo ha fatto: l’unica risposta è stata quella di un dislocamento di alcuni settori al nord Italia. Tutti segnali di una situazione per niente tranquilla, che alimenta sempre più l’ipotesi che il gruppo voglia andare via da Catania e dalla Sicilia».

Al momento, non si registrano vertenze da parte dei lavoratori. I dipendenti assunti con contratti di quaranta ore, effettivamente, ne svolgono venti: «L’azienda rimane creditrice di venti ore col lavoratore: siamo preoccupati che queste ore che finora non espletate vengano poi fatte pesare sulle buste paga», conclude Rita Ponzo. Secondo Davide Foti della Cgil, però, quest’ultima possibilità è stata scongiurata dai vertici dell’azienda attraverso una lettera. «Si sa che è stato fatto un consiglio di amministrazione nazionale, si sa che ci sono delle turbolenze interne, ma a noi e ai lavoratori formalmente non viene detto nulla – fa notare Foti -. Questi sono tratti preoccupanti e per cui già ci stiamo mobilitando», Adesso si aspetta un punto di svolta da parte dei vertici nazionali della Coop. Il 3 marzo si sarebbe dovuto svolgere a Bologna un incontro tra le segreterie sindacali e i rappresentanti della cooperativa per discutere della questione, ma l’incontro è stato rinviato a data da destinarsi a seguito dell’emergenza dovuta al coronavirus

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews