Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, chiuse le indagini sullo stupro in discoteca
Tre giovani accusati di una violenza nel parcheggio

Da piazza Verga è partito l'avviso nei giorni scorsi. A denunciare i fatti, che sarebbero avvenuti due anni fa a Misterbianco, una ragazza. Ai carabinieri raccontò di essere stata abusata dopo avere accettato l'offerta di un passaggio a casa

Simone Olivelli

Foto di: billy84

Foto di: billy84

Chiusa l'indagine sulla presunta violenza sessuale avvenuta l'estate di due anni fa nel parcheggio della discoteca Qubba, a Misterbianco

La procura di Catania ha notificato, nei giorni scorsi, l'avviso ai tre giovani acesi accusati di avere abusato di una ragazza alla fine di una serata musicale. A prendere parte direttamente alla violenza sarebbero due degli indagati. L'attesa, adesso, è per la prossima mossa dei magistrati, chiamati a decidere se chiedere o meno il processo. Un'ipotesi che pare altamente probabile, tenendo conto dell'evoluzione delle indagini e della scelta di sottoporre la giovane a un incidente probatorio. Un interrogatorio, svoltosi a marzo dello scorso anno in modalità protetta, in cui è stato ripercorso quanto sarebbe accaduto nel parcheggio. 

Il caso venne fuori a ottobre 2018, con la notizia dell'arresto di due dei tre indagati. Tutti incensurati e noti nella città delle cento campane. La misura cautelare arrivò dopo la denuncia della giovane, che ai carabinieri raccontò di essere stata abusata all'interno di una vettura, dopo la promessa di un passaggio in auto verso casa. Ricostruzione smentita dai presunti aggressori che agli inquirenti, sin dai primi interrogatori, hanno sostenuto che il rapporto sessuale fosse consensuale.

I giovani, dopo una detenzione a piazza Lanza durata un mese, sono stati scarcerati a novembre di due anni fa, quando il Riesame evidenziò la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza. Decisione poi confermata anche dalla Cassazione. Da allora hanno atteso la conclusione delle indagini tornando alle proprie vite. Un'attesa di circa quindici mesi, che potrebbe portare presto all'apertura di un nuovo capitolo di questa storia. All'interno delle aule del palazzo di giustizia. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×