Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

È polemica sull'assegnazione delle aule scolastiche
Preside dell'Emilio Greco: «Disparità di trattamento»

Proteste di studenti e corpo docente hanno acceso i riflettori sulla questione. «La razionalizzazione è stata sproporzionata - lamenta a MeridioNews il dirigente scolastico Antonio Massimino - Soffriamo da anni e adesso chiediamo gli spazi giusti per fare lezione»

Gabriele Patti

Fioccano le polemiche sull'assegnazione delle aule da parte della città metropolitana agli istituti scolastici etnei che, per sopperire alla carenza di locali nelle proprie sedi centrali, utilizzano gli spazi dell’istituto polivalente di San Giovanni La Punta. Si tratta, in dell’istituto tecnico Enrico De Nicola (1.386 alunni, 53 aule più cinque appena assegnate), del liceo scientifico Ettore Majorana (1.123 alunni, 51 classi e altre due appena assegnate) e del liceo artistico Emilio Greco (11.447 alunni, 14 aule e altre due appena assegnate). Ed è proprio quest’ultimo istituto, a colpi di proteste di studenti e corpo docente, ad accendere i riflettori sulla questione. 

Dopo il sopralluogo dello scorso 5 novembre eseguito dai funzionari Angelo AlibertiNunziatina Spatafora, delegati dal dirigente del servizio Salvatore Roberti, al liceo artistico sono state assegnate solo due delle cinque aule richieste. «Il Majorana e il De Nicola - spiega a MeridioNews Antonio Massimino, il dirigente scolastico dell’Emilio Greco - hanno a disposizione il 90 per cento degli edifici del polivalente». Il sopralluogo avrebbe dovuto portare a una razionalizzazione degli spazi ma, secondo il preside, l’assegnazione è stata effettuata in modo non omogeneo e sproporzionato. «Soffriamo da almeno otto anni - prosegue - Adesso chiediamo gli spazi giusti per un liceo che ha sei indirizzi». 

L’Istituto di via Mavilla, infatti, da anni chiede altre cinque aule. Finora, però, sarebbe stato scavalcato da altri contendenti sulla base dell’incremento del numero delle iscrizioni. «Anche noi abbiamo registrato un aumento delle iscrizioni, solo l’anno prossimo abbiamo già 90 richieste di cui il dieci per cento sono di alunni disabili». Ma c’è di più. Se è vero che l'ex provincia, come si legge dal provvedimento della città metropolitana del 15 novembre 2019, ha assegnato due aule del corpo G dell’istituto puntese («potrebbero essere assegnate al liceo artistico le due aule del piano terra della palazzina G con modesti interventi di manutenzione»), è altrettanto vero che, trascorsi quattro mesi dall'aggiudicazione, l’Emilio Greco non ha ancora a disposizione le aule

«Solo quest’anno - incalza Massimino - abbiamo inviato sette solleciti alla provincia, ma non ci hanno mai considerato». Nel frattempo, gli studenti dell’artistico, lunedì e martedì scorso, hanno organizzato due sit-in di protesta: uno all’Emilio Greco e l’altro (annullato per mancata partecipazione) davanti alla sede della città metropolitana di via Novaluce. «I ragazzi hanno tutte le ragioni di questo mondo, ogni classe ha almeno 30 studenti e siamo costretti a utilizzare i laboratori come classi: il laboratorio per la lavorazione della plastica, con tanto di forno, o quello di pittura non possono essere adeguati a ogni tipo di lezione». 

Altro nodo da sciogliere per il liceo è la fruizione dei servizi scolastici da parte degli studenti disabili. «La sede di Sant’Agata Li Battiati può accogliere al massimo otto classi - sottolinea il dirigente - Come facciamo a fare scuola se non ci sono spazi per accogliere i ragazzi disabili? Dovrei fare sei classi di prima ma non ho gli spazi». La perplessità del preside, poi, riguarda anche per la manifestazione di interesse con cui la città metropolitana ha deciso di reperire locali da assegnare all’Emilio Greco. «Una scelta incomprensibile, senza logica - lamenta - perché la provincia non ha neanche i soldi per la manutenzione ordinaria e straordinaria». Una situazione già di per sé ingarbugliata, aggravata dal fatto che «i locali al polivalente ci sono ma - sostiene - a qualcuno non piace questo nostro progetto». E lei come si spiega tutto ciò? «Credo che ci vedano come la spina nel fianco del comprensorio e questo genera una disparità di trattamento nei nostri confronti». Per l’ex provincia, però, dal sopralluogo effettuato «non si evince una sostanziale sperequazione di assegnazione di spazi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews