Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, tre nuovi casi positivi a Catania
Sono tutti del dipartimento di Agraria di Unict

Alcuni docenti a fine febbraio hanno partecipato a un convegno a Udine dove un ricercatore torinese ha contagiato altri colleghi. Una volta in Sicilia, sono tornati a frequentare la facoltà e il virus si sarebbe esteso. Si attendono, infatti, i risultati per altre due persone

Tre test positivi al coronavirus, tutti legati allo stesso ambiente: il dipartimento di Agraria dell'università di Catania, sede di via Santa Sofia. È questo l'esito dell'esame dei tamponi eseguito ieri al Policlinico del capoluogo etneo. La sede della facoltà, nel frattempo, è stata chiusa alle lezioni.

Il luogo del contagio sarebbe la città di Udine. Lì, infatti, quattro docenti hanno preso parte nelle scorse settimane a un convegno riservato agli agronomi. Evento al quale ha partecipato anche un professore di Torino che aveva contratto il virus. In particolare sarebbe stata una cena sociale il momento in cui il virus si sarebbe diffuso. Dallo stesso appuntamento sono venuti fuori altri 13 contagi in giro per l'Italia, finora tutti confermati. Altre due persone che frequentano Agraria, invece, sarebbero venute a contatto con i professori quando questi ultimi, non riscontrando né ipotizzando alcun problema, sono tornati in servizio al dipartimento dell'ateneo catanese.

I tamponi effettuati oggi sono stati dunque cinque (il sesto non sarebbe stato sottoposto a esami in quanto non presenta sintomi). Già ieri sera si è avuta notizia delle tre positività, mentre sugli altri due casi si attendono i risultati domani. Dei casi in esame solo una donna sarebbe in condizioni cliniche che i medici definiscono «severe» ed è stata ricoverata. Gli altri, i cui sintomi sono lievi, sono in isolamento domiciliare. 

È dunque possibile parlare di un ipotetico «cluster» di contagio circoscritto al dipartimento di Agraria. La conferma definitiva dovrà comunque arrivare dall'Istituto superiore di sanità. Se lo scenario venisse confermato (finora l'Iss non ha mai smentito positività riscontrate nelle strutture sanitarie regionali) le autorità preposte dovranno valutare le misure restrittive più idonee. Intanto stamattina il dipartimento di Agraria è stato chiuso e agli studenti è stata comunicata la sospensione delle lezioni. 

Cresce in questo modo il numero dei contagiati in Sicilia, su cui ieri sera l'assessore Ruggero Razza ha fatto il punto senza però parlare dei casi legati a Unict. Oltre a questi ultimi, dunque, tre sono a Palermo (una comitiva di turisti bergamaschi, già guariti); una è una donna catanese rientrata da Milano, con sintomi lievi, già guarita (ma di cui rimangono da chiarire alcuni aspetti sugli spostamenti). Altri tre casi sono già stati confermati dall'Istituto superiore di Sanità, uno a Ragusa e due a Catania. Infine altri tre casi positivi, che attendono la conferma dell'Iss, due al Policlinico di Catania e uno in quello di Palermo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews