Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cosa c'è dietro la spaccatura delle Sardine catanesi
Scontri tra fazioni: «Sistema democratico o fluido?»

Durante le ultime assemblee, stando a quanto ricostruito da MeridioNews, l'aria sarebbe già stata tesa. Le polemiche sarebbero nate intorno all'elezione del referente che sarebbe dovuto andare al congresso nazionale a Scampia e sulle modalità di rapprensentanza

Marta Silvestre

Foto di: BergamoNews

Foto di: BergamoNews

Le Sardine catanesi non navigano in buone acque. «Tenere le mele marce al proprio interno troppo a lungo non conviene. Il gruppo che si è impossessato delle Sardine catanesi (sfruttando la beneamata democrazia delle assemblee) è un gruppo che non aveva alcun interesse ittico, anzi». È questa una parte del messaggio che sta rimbalzando tra le Sardine di tutta Italia, lo stesso in cui si dà notizia della nascita di una nuova pagina ufficiale delle Sardine siciliane. Nata dopo che due altre pagine Facebook collegate a loro sono state disconosciute dal coordinamento nazionale. Tutte le polemiche pare siano riconducibili a quanto accaduto in occasione delle ultime assemblee cittadine durante le quali è stato eletto il referente per andare al congresso nazionale che si sarebbe dovuto tenere a Scampia a marzo. 

«Qualcuno si è impossessato strategicamente di un gruppo, isolando i suoi fondatori e chi ha lavorato alla piazza, chi ha ideato i flashmob, chi ha cercato di evitare che il movimento venisse ingoiato da un gioco politico fin troppo visibile condotto da parte del Pd e Cgil locali». Da quanto si legge nella nota, che adesso è stata pubblicata anche sulla neonata pagina Facebook, lo scontro sembra essersi consumato tra i fondatori e gli attivisti che si sono avvicinati e che erano già legati al Partito democratico e al sindacato. «Da tempo osserviamo all'interno di alcuni presunti gruppi di Sardine vecchie logiche di potere, strategie nascoste, sotterfugi. Per tale ragione - continua la nota - non riteniamo che l'attuale gruppo che si identifica nelle Sardine a Catania (la pagina Facebook Sardine di Catania e il gruppo Sardine Siciliane) rientrino nei valori e nello spirito del movimento e non riteniamo che possa far parte di alcun coordinamento, né provinciale, né regionale, né nazionale». 

Le assemblee catanesi delle ultime settimane, stando a quanto trapela dall'interno del movimento stesso, sarebbero state caratterizzate da litigi e scontri tra fazioni. Persone che si sentono estromesse, altre che provano a estromettere. «Non è vero nulla! Ci avete isolato voi! - si legge nella vecchia pagina Facebook oggi disconosciuta - Abbiamo un gruppo ampio su Whatsapp di circa 60 membri dove ci sono quattro o cinque persone che fanno parte di sindacati e che cercano di darci una mano, essendo molti di noi alla prima esperienza politica. Ma poi scusate le Sardine non includevano tutti? Siamo amareggiati, non riusciamo a capire e chiediamo spiegazioni». 

Qualche spiegazione, intanto, arriva dalla ricostruzione degli ultimi incontri delle Sardine catanesi quelle organizzate per scegliere il referente locale da mandare al congresso nazionale a Scampia. Durante la prima di queste assemblee, era stato eletto uno degli attivisti legato alla Cgil. Alcuni dei votanti, però, non sarebbero stati a conoscenza del fatto che dal nazionale era stato deciso che i referenti non avrebbero potuto avere ruoli in partiti o sindacati. Si torna così al voto, dopo un'assemblea di chiarimento dai toni piuttosto duri. Durante l'ultima assemblea di mercoledì scorso (convocata come sempre tra i membri di un gruppo su Whatsapp composto da una sessantina di membri e amministrato dai veterani), cambia l'eletto ma restano gli strascichi delle polemiche. Da una parte c'è chi sarebbe voluto arrivare a Scampia portando un sistema «più organizzato e fondato sulla rappresentatività di tutti i territori per potere fare scelte in modo più concertato e democratico»; dall'altra chi invece avrebbe voluto mantenere «il movimento più fluido e meno impostato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews