Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il licenziamento dei dieci operai dei bar di Bricoman
Parla il gestore: «Inutile ogni trattativa con l'azienda»

Sabato scorso dieci persone, nei punti vendita di Catania e Ragusa, hanno dovuto smobilitare improvvisamente. Dietro la decisione ci sarebbe un vecchio accordo tra i vertici passati della Prenestina e la catena con sede a Milano

Dario De Luca

L’opzione sul tavolo è stata soltanto una: il licenziamento. Anche se la notizia è stata comunicata ai dipendenti durante una mattina di un insolito e caldo sabato di fine febbraio. Giusto il tempo di smontare tutto e mettere da parte la merce, disdire qualche pranzo già prenotato dai clienti e appendere un cartello in cui si precisava «la momentanea sospensione del servizio». Qualcuno, non è chiaro quando, tornerà a servire caffè e cornetti nei punti commerciali di Catania e Ragusa. Di fatto i due bar all'interno di Bricoman, la catena di prodotti per la costruzione e ristrutturazione della casa con base operativa a Milano, sono chiusi. 

«Senza nessun preavviso ci siamo ritrovati alla porta. E pensare che la mattina in cui ci hanno detto di fermarci era pure arrivata della merce». I cinque dipendenti del punto vendita di Catania, all'interno del parco commerciale Centro Sicilia, parlano con l'amaro in bocca. Stesso copione a Ragusa in una realtà che coinvolgeva lo stesso numero di addetti. Anche perché a quel posto di lavoro, trovato grazie a un annuncio online, si erano un po' affezionati. «Gestivamo il bar da agosto 2018 come se fosse il nostro - raccontano a MeridioNews - Tutto è andato liscio fino a novembre scorso». Periodo in cui ai lavoratori sarebbe stata comunicata dall'allora amministratrice della società Prenestina, cioè quella che gestisce cinque punti ristoro della catena - due in Sicilia e altri tre a Roma, Verona e Treviso - la possibilità di ricevere una lettera di licenziamento. 

«Poi è calato il silenzio - continuano i lavoratori - e così ci siamo di fatto tranquillizzati». All'interno della società romana intanto cambiano i vertici, la ripartizione delle quote e al timone finisce l'imprenditore Vincenzo Frustaci. «Mi sono insediato a fine gennaio - spiega lui al telefono - e abbiamo scoperto che a luglio 2019 era stata mandata una lettere di disdetta a Bricoman per i due bar di Catania e Ragusa, ufficialmente perché in perdita». Nei vecchi consigli d'amministrazione, in cui sedevano dei parenti di Frustaci però quella comunicazione non sarebbe mai arrivata. Almeno questo è quello che sostiene l'attuale dirigente: «Su questo fronte - aggiunge - siamo con gli avvocati».

Frustaci, a situazione ormai cristallizzata, avrebbe comunque provato a gettare un'ancora di salvezza per i suoi dipendenti. «Sono andato a Milano per chiedere a Bricoman di rivedere la situazione. Ho chiesto anche di potere interloquire con la nuova società che subentrerà nella gestione ma non c'è stata nessuna apertura. L'obiettivo ideale era quello di spostare i lavoratori in questa nuova realtà che arriverà al posto nostro». Scenario senza nomi precisi e con l'ipotesi di assorbimento dei lavoratori che fino a questo momento non sembrerebbe, non sono chiari i motivi, praticabile. «Il nostro più grosso rammarico - continuano gli ex addetti - è avere perso un posto all'interno di una società (Prenestina, ndr) che ci ha consentito di lavorare con tutte le carte in regola. Contratti veri che nel panorama occupazionale catanese sono pura utopia». In attesa di capire meglio i contorni di questa storia per gli ex dipendenti l'unica consolazione al momento è la garanzia dei pagamenti per il mese di marzo. Ma la vicenda è tutto fuorché chiusa

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews