Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Caso Sidra? Chiederemo commissione d'inchiesta»
Opposizione attacca sulle consulenze al centrodestra

Francesca Ricotta, Giuseppe Gelsomino, Lanfranco Zappalà e Salvo Di Salvo si sono ritrovati in conferenza stampa a Palazzo degli elefanti. L'obiettivo è chiedere chiarezza sulle partecipate. E usare per la città i soldi della discussa sponsorizzazione sportiva

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Una sponsorizzazione sportiva da 200mila euro e una pioggia di incarichi a esponenti del centrodestra e, in particolare, di Fratelli d'Italia. Le casse di Sidra, società partecipata che si occupa del servizio idrico nel Comune di Catania, non sembrano patire la sete. Così il caso sollevato da MeridioNews, dopo avere scatenato le richieste di accesso agli atti del movimento politico Catania bene comune e del Movimento 5 stelle, finisce anche sul tavolo delle altre opposizioni consiliari. Una conferenza stampa a Palazzo degli elefanti è servita a Italia viva e al gruppo Misto (nelle vesti di Lanfranco Zappalà, orfano di Con Bianco per Catania, e Salvo Di Salvo, alfiere di #Insiemesipuò) per annunciare il desiderio di avere chiarezza. Così al presidente del Consiglio comunale Giuseppe Castiglione potrebbe arrivare, a breve, la richiesta di costituzione di una commissione d'inchiesta sulle società partecipate. «I 200mila euro di sponsorizzazione sportiva potevano essere usati per altro», dicono all'unisono Giuseppe Gelsomino e Francesca Ricotta.

Un coro di indignazione per i fondi spesi dalla partecipata dell'acqua pubblica che, nel 2019, è stata per mesi sotto i riflettori dei media per i disservizi idrici che hanno lasciato a secco per settimane mezza città. «Io lancio una proposta - afferma Salvo Di Salvo - Questi 200mila euro (che Sidra intende usare per sponsorizzare «società dilettantistiche», sulla base di un bando scaduto il 28 febbraio, ndr), anziché darli alla squadra di calcetto, perché non darli alla comunità? Se di attività sportive si parla, allora si usino per la sistemazione del campetto di calcio di via Toledo, che da anni attende fondi per essere restituito ai giovani del quartiere». Cioè San Cristoforo. In via Toledo, del resto, già anni fa i residenti avevano tentato di ripristinare il piccolo impianto sportivo a proprie spese.

«Invito il sindaco Salvo Pogliese - continua Di Salvo - a fare un atto di indirizzo politico dedicato a quel campetto». A questo poi dovrebbe seguire la richiesta di istituzione di una commissione d'inchiesta sulle consulenze erogate dalle partecipate. Alla Sidra a fare più scalpore sono state quelle degli avvocati Luca Scrofani e Carmen Toro: il primo segretario provinciale del gruppo Avanguardia (confluito in FdI), la seconda candidata al Consiglio comunale alle elezioni amministrative 2018 nella lista Salvo Pogliese sindaco. O quella dell'architetto Andrea Maiorana, sempre legato al movimento Avanguardia, che - come svelato da questa testata - si occuperà della «modifica dei locali per la migliore allocazione del personale». «Non possiamo sprecare risorse per rincorrere il consenso politico», continua Di Salvo.

E Gelsomino interviene: «Lo annuncio sin d'ora: non faremo più passare nessuna delibera in Consiglio comunale finché la Sidra non ritira questa sponsorizzazione». Una minaccia frontale di immobilismo amministrativo che chiama in causa direttamente il sindaco Pogliese e la giunta comunale. «Bisognerebbe amministrare una società come il buon padre di famiglia. Lì si stanno comportando come patrigni di una famiglia che non conoscono - conclude il consigliere renziano - Devono fare i manager, se ci riescono. Non devono tentare di rifare Fratelli d'Italia alla Sidra».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews