Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bisceglie-Catania 0-1, eco chi sale e chi scende
Salandria, che sostanza: l'attacco gira a vuoto

Il Catania ottiene la terza vittoria di fila, in una gara che fa emergere ancora una volta grinta e solidità di un gruppo mai così compatto. Salandria bagna un'ottima gara col primo gol in rossazzurro: dall'attacco, pur con tante defezioni, ci si attende di più

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania SpA Official

Foto di: Calcio Catania SpA Official

Cristiano Lucarelli lo aveva ribadito anche nella conferenza stampa di ieri: la trasferta di Bisceglie, comparata a quella del San Nicola col Bari, era senza dubbio la più complicata e difficile da preparare da un punto di vista mentale. Le pessime condizioni del terreno di gioco, la voglia degli avversari di far punti e nomi non altisonanti avrebbero potuto far abbassare la guardia a Biagianti e compagni: non è stato così, coi rossazzurri che hanno dato tutto, riuscendo a capitalizzare una giornata non brillantissima grazie al primo gol in maglia Catania di Francesco Salandria

Top

Francesco Salandria - Mai come in questa occasione la vittoria è merito del reparto di metà campo, con i calciatori bravissimi a fare da filtro e dare equilibrio alla squadra in un match complicato. Francesco Salandria è senza dubbio l'alfiere dei mediani schierati durante la gara da Lucarelli: centrocampista di lotta e di governo, l'ex Akragas e Reggina si contraddistingue sia per il suo moto perpetuo che per la capacità di rubare palla e ripartire. La rete che decide la gara, poi, mette in mostra anche le sue capacità balistiche: il giovane Messina forse avrebbe potuto fare di più, ma la sua botta di destro da fuori area è potente e precisa quanto basta per superare il portierino di casa. La palma di migliore in campo va a lui.

Top

Giovanni Pinto - Prova da 7 pieno in pagella per il terzino sinistro campano, ormai stabilmente tra i più positivi in casa Catania. La sua spinta costante sulla fascia non è mancata neanche in questa gara, in cui l'esterno mancino è stato bravo a dare tanta corsa abbinata a una buona qualità. Nel primo tempo è lui a penetrare in area scaricando palla a Vicente che, da fuori area, coglie la traversa con un gran destro. A inizio ripresa, poi, l'ennesima sua percussione permette a Curcio di concludere in diagonale, con la palla fuori di un soffio. Il numero 20 pare ormai aver trovato la giusta serenità per mettere in mostra qualità per troppo tempo oscurate. 

Top

Marco Biagianti - In una partita del genere il Capitano non poteva non esaltarsi. Chiamato da Lucarelli a sostituire Vicente, autore di una prova buona ma sulla cui testa gravava il peso del giallo ricevuto durante il primo tempo, Biagianti ha dato il suo gran contributo per portare a casa tre punti fondamentali. Il numero 27 fa valere le sue grandi doti in fase di filtro, randellando a metà campo quando è necessario e strappando palloni fondamentali per evitare pericoli. Sempre vicino alla palla e pronto a ringhiare sui calciatori avversari, l'ex Livorno è bravo anche a infondere alla squadra ulteriori tranquillità e sicurezza. Quando c'è bisogno di lui, risponde sempre presente.

Flop

Steve Beleck - Altra partita complicata per il numero 9, schierato da Lucarelli al centro dell'attacco etneo. L'ex punta del Rieti dimostra ancora un evidente ritardo fisico, comprensibile a causa della sua imponente struttura fisica. Il suo lavoro di boa, però, non è svolto al meglio: quasi sempre sovrastato dai centrali avversari sulle palle alte (dovrebbero essere il suo pane quotidiano), Beleck non riesce mai a concludere verso la porta avversaria, riuscendo raramente a fare efficacemente da sponda per i compagni di reparto. Appare troppo lento e appesantito: la speranza, attendendo il rientro di Curiale, è che la miglior forma gli consenta anche giocate che finora non abbiamo visto.

Flop

Gabriele Capanni - Il classe 2000 scuola Milan, stavolta, ha girato quasi totalmente a vuoto. E' giusto dire, a sua discolpa, che il terreno di gioco dello Stadio Ventura non era certo l'ideale per mettere in evidenza le sue qualità migliori: corsa e discreta tecnica. Provato da Lucarelli sia a destra che a sinistra nella batteria di trequartisti, il numero 7 non è mai riuscito a fare la differenza, perdendo tanti palloni e non riuscendo mai a trovare il suggerimento giusto per i compagni di squadra. Esce a metà ripresa senza aver mai lasciato il segno nella gara.

Flop

Luca Calapai - Prova senza infamia né lode per l'esperto terzino destro del Catania. Mentre però Pinto riesce ad essere scintillante sulla fascia opposta, il numero 26 dei rossazzurri non fa quasi mai la differenza. Poche efficaci sovrapposizioni sulla corsia di destra, qualche cross rimpallato dai difensori avversari e tanto lavoro sporco nelle retrovie, dando manforte ai compagni di reparto. Da un giocatore con spiccate caratteristiche offensive come lui, però, ci si attende sempre qualcosa in più che il semplice compitino: è per questo che la sua gara non può essere considerata totalmente sufficiente. Da rivedere.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews