Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'arsenale alla Playa era nel terreno di un avvocato
I sospetti sul clan Cappello e le undici telecamere

Gli inquirenti stanno lavorando per cercare di ricostruire la storia che si cela dietro al ritrovamento di due mesi fa in un'area a ridosso del lido Le Capannine e di una scuola di windsurf. Alcuni pezzi del puzzle sono stati già ricomposti. Guarda le foto

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

A pochi metri dalla spiaggia, a ridosso dello spiazzo dove gli appassionati di windsurf parcheggiano l'auto, prima di scavalcare la transenna e usufruire dei locali messi a disposizione, anche durante la stagione invernale, dal lido Le Capannine. È qui che, quasi due mesi fa, i militari del Gico di Catania hanno trovato un arsenale. Le armi - pistole, fucili, mitragliatori - erano in due bidoni interrati a due metri di profondità. Protette, una per una, da buste di plastica. Ma che storia nasconde questo ritrovamento? Chi le ha nascoste e perché ha scelto un terreno esposto, specialmente in estate, a centinaia di occhi indiscreti?

Queste sono solo alcune delle domande a cui gli investigatori stanno cercando di dare una risposta. E qualche passo avanti sarebbero già stato fatto. Stando a quanto risulta a MeridioNews, l'attenzione della procura etnea sarebbe concentrata su una precisa cosca: per quanto si tratti ancora di ipotesi, lo sguardo degli inquirenti sarebbe rivolto ai Cappello. Il clan retto da Massimiliano Salvo, attualmente in carcere. A fare riferimento a un gruppo di fuoco a disposizione del capomafia - che dal 2017 è al 41bis e che, di recente, nell'ambito del processo Penelope ha dichiarato di volersi dissociare dal clan - sarebbe stato un collaboratore di giustizia. Dichiarazioni che hanno arricchito i verbali custoditi dalla Dda di Catania.

Ma se tra i corridoi di piazza Verga il riserbo è massimo, altri pezzi del puzzle sono già chiari. A partire dalle caratteristiche del luogo. Il terreno si trova alla fine di una stradella privata, a cui si accede da un cancello, sempre aperto, che si affaccia su via San Francesco la Rena. Poche centinaia di metri asfaltati con a destra campi e a sinistra alcune residenze. Diversi i cartelli che indicano la videosorveglianza dell'area. Quella delle telecamere è un particolare che salta subito all'occhio: lungo la staccionata che delimita la scuola di windsurf sono diverse quelle installate. Undici, se si considerano quelle che danno sul parcheggio. Più di una, inoltre, sembra avere un campo visivo in cui ricade anche il punto in cui sono state interrate le armi.

Stando a quanto accertato da questa testata, il terreno, su cui sono rimaste le tracce del mezzo meccanico utilizzato dai militari per scavare, è di proprietà della famiglia di un noto avvocato etneo. Il legale ha preso parte al sopralluogo. «È di proprietà di mia madre, ma da moltissimi anni è abbandonato. Non ci venivo da decenni - racconta il professionista contattato da MeridioNews - Quando sono arrivato qui non avevo idea di cosa cercassero, ma come è normale che sia ho dato tutta la mia disponibilità». Inevitabile lo stupore nello scoprire cosa ci fosse all'interno dei bidoni. «Chiaramente non mi aspettavo nulla di simile», sottolinea. In passato il terreno è stato al centro di un contenzioso sfociato anche in procedimenti giudiziari. «Tra i motivi c'è stato anche la rimozione della rete che, un tempo, delimitava il perimetro dell'area», conclude.

Tornando alle indagini, spunti interessanti potrebbero arrivare dai risultati degli esami balistici. I periti stanno effettuando i test per capire se le armi, che sarebbero state nascoste da non più di due anni e che erano pronte per essere utilizzate, in passato abbiano già sparato. Un'ipotesi che, almeno in alcuni casi, avrebbe già trovato conferma.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews