Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, viaggio nella Chinatown deserta di Misterbianco
«Lo chiamavano il virus dei cinesi, ora siamo un modello»

Mikele, Chen e Angela hanno abbassato da settimane le saracinesche. Tra la psicosi dei clienti e la scelta di limitare i contagi. Adesso le restrizioni adottate in Cina potrebbero aiutare anche l'Italia nella lotta al coronavirus. Guarda il video

Dario De Luca

È tutto fermo. Non appena si entra nell'area commerciale di Misterbianco la prima impressione è quella attesa. Parcheggi deserti e porte sbarrate. Gli ultimi segni lasciati dai proprietari di ingrossi e negozi sono dei fogli appiccicati all'esterno di ogni punto vendita. Un susseguirsi di «chiuso per ferie» e «comunicazione di riposo». Il polmone economico del dragone nell'Isola è fermo. I guai per i circa cento commercianti che hanno trasformato questo pezzo di Sicilia in una enorme Chinatown sono cominciati molte settimane prima rispetto a quelli con cui stanno imparando a convivere esercenti e imprenditori italiani. In molti costretti allo stop dopo la trasformazione dell'Italia in una grande area arancione. Un Paese protetto che cerca, tra mille affanni e difficoltà, ad arginare un'epidemia chiamata coronavirus.

I cinesi di Misterbianco le loro saracinesche le hanno già abbassate a febbraio. Portatori incolpevoli di un peccato originale che ha avuto la sua genesi a >Wuhan, cittadina epicentro dell'epidemia. Il Covid-19 però si è dimostrato un virus assolutamente democratico. E così dalla paura di andare nei negozi cinesi si è passati dalla scelta di fermarsi per limitare i contagi. «Le limitazioni del governo italiano? Dovevano arrivare prima». Angela Liu ci apre le porte del suo ingrosso di scarpe sicura del fatto suo. Non è una voce isolata ma dalle sue parole, in perfetto italiano, traspare un sentimento comune: «C'era già l'esempio del nostro Paese, la Cina. Si è combattuto tanto contro il coronavirus per arrivare ai risultati di oggi». A Wuhan dopo 50 giorni l'epidemia sembrerebbe sotto controllo. In Italia, ad eccezione delle Regioni più colpite, il virus invisibile per tante settimane è stato preso sottogamba da larghe fette di popolazione. Almeno fino all'ultimo decreto del governo. 

Angela non riesce a stimare quando riaprirà la sua attività. Lo stesso vale per Mikele Gao e Chen Haiu. Entrambi imprenditori accomunati per essere i simboli dell' associazione dei Giovani cinesi in Sicilia. Raggruppamento che conta più di cento iscritti. Un vero ponte tra Misterbianco e la Cina. Sono lontani i tempi della comunità isolata. Mikele e Chen hanno tanta voglia di aprirsi e raccontare come stanno affrontando questo momento. «A Misterbianco ci sono 130 ingrossi cinesi e 5 o 6 venditori al dettaglio - racconta Mikele -. Adesso sono quasi tutti chiusi». E paradosso dei paradossi qualche componente della comunità cinese è pure tornato a casa, lasciando temporaneamente l'Italia e l'emergenza coronavirus. «Ma adesso italiani e cinesi sono nelle stessa barca - continua - la gente finalmente ha paura di uscire e frequentare troppe persone». Solo così l'epidemia si può rallentare. Per l'imprenditore, 32 anni, l'unica ricetta è quindi quella di sposare l'invito del presidente del Consiglio Giuseppe Conte: «Restare a casa». Quando tutto sarà finito si potrà ripensare ad aprire i negozi . 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews