Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, centri riabilitativi convenzionati ancora aperti
Utenti li disertano ma rischiano la sospensione trattamento

Da un lato c'è chi deve fare terapie di prima necessità, dall'altro ci sono le regole che impongono lo stop al servizio gratuito se non si rispettano gli appuntamenti. Per questo motivo, si chiede lo stop per alcuni pazienti. Esclusi i casi più gravi

Carmelo Lombardo

In piena emergenza epidemiologica dovuta al Covid–19 e con le stringenti misure attuate dal governo alcune strutture sanitarie hanno sospeso i servizi. Altre hanno optato per dei ridimensionamenti. La regola però non sembra valere per buona parte dei centri riabilitativi che offrono servizi gratuiti a persone con lievi e gravi disabilità, dove giovani e meno giovani stanno a stretto contatto con operatori e terapisti durante i trattamenti. In Sicilia, i maggiori centri che erogano le prestazioni sono l’Airs e l’Aias, che vanno avanti con le convenzioni stipulate con l’Azienda sanitaria provinciale di riferimento. 

Di fatto la loro chiusura deve essere accompagnata sempre da disposizioni dell’Asp e, quindi, dal Dipartimento regionale della Sanità. Una lunga assenza agli appuntamenti, almeno nei periodi non emergenziali, comporta per i pazienti la sospensione del servizio. Dall'altro lato la serrata generale, senza il via libera dell'Asp, da un lato pregiudicherebbe i trattamenti per i pazienti più gravi e, nello stesso tempo, metterebbe a rischio la convenzione con un profilo di interruzione di pubblico servizio. 

Il presidente dell’Airs, il sacerdote Alfio Li Noce, proprio ieri ha inviato una lettera all’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza, alle Asp provinciali e all’Uoh (Unità operativa handicap) con la quale ha suggerito di «sospendere momentaneamente l’erogazione dei servizi sanitari riabilitativi per i regimi a ciclo diurno, ambulatori e domiciliari – chiedendo – A tutela degli utenti, che le assenze delle attività dei centri non siano causa di dimissione o di esclusione». Il tutto «garantendo i livello occupazionali». Con l'eventuale sospensione verranno garantiti i servizi per i pazienti a ciclo unico continuativo e per quei soggetti la cui assistenza in famiglia non sarebbe assicurata.

L’Airs, conta strutture in quasi tutta la Sicilia. Da Siracusa alla provincia di Catania  con l'associazione Kennedy (sia ad Acireale che ad Adrano), il Villaggio San Giuseppe, Uici Ct Onlus, Villa Angela, Villa Sandra, Papa Giovanni XXIII e Regina Virginam, oltre agli altri centri di Ragusa, Agrigento e Trapani.

«Noi dell’istituto Giovanni XXIII, (tra Guardia Mangano e Riposto, ndr) siamo il centro più piccolo eppure dobbiamo fare i conti con quaranta ragazzi, molti con patologie sensibili e immunodepressi – afferma a MeridioNews il vicedirettore Alessandro Coco -. Abbiamo una promiscuità tale che in caso di contagio potrebbe risultare una bomba ad orologeria. Stiamo prendendo i dovuti provvedimenti, ma molti pazienti non stanno venendo per scelta. Anche se noi ci stiamo organizzando con igienizzanti e mascherine».

Caso analogo anche per l’Aias, che in Sicilia conta 35 sezioni. In tutta la Regione e nell’Acese, dove ci sono tre centri. Il presidente del centro acese Armando Sorbello assicura a MeridioNews che tutte le misure sono state intraprese. «I pazienti entrano pochi alla volta, stiamo utilizzando anche noi più cautela possibile con prodotti e mascherine – dichiara – fino a quando non abbiamo disposizioni da parte dell’Asp dobbiamo andare avanti così». Adesso, Sorbello e tutti gli altri dirigenti attendono la circolare da parte del dipartimento Regionale che dovrebbe prevedere provvedimenti sui centri di riabilitazione e Lea di primo livello. Intanto, fonti vicine a MeridioNews hanno confermato che all’ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale sono state sospese alcune terapie ambulatoriali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews