Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascherine e guanti: la guida sul corretto utilizzo
Esperto: «Sciarpe davanti la bocca? Sono inutili»

Ci sono diversi sistemi di protezione ma devono essere utilizzati rispettando prescrizioni precise. In alcuni casi possono infatti produrre l'effetto contrario. A MeridioNews alcuni consigli da parte di un esperto. Guarda l'infografica

Dario De Luca

Migliaia di persone per uscire di casa - è possibile farlo solo nelle ipotesi previste dal decreto - ormai indossano guanti e mascherine. Nei supermercati o in fila all'ingresso delle farmacie si vede un po' di tutto. C'è chi usa quelle chirurgiche e chi è munito di quelle con filtro e stringinaso. Alcuni, sprovvisti delle protezioni, coprono naso e bocca con sciarpe e fazzoletti di tessuto. Tutti questi sistemi però non sempre sono efficaci se non si rispettano alcune prescrizioni. Delle volte, addirittura, possono pure risultare controproducenti. «La prima indicazione è quella che bisogna stare a casa. Quando si esce, bisogna sempre rispettare la distanza stabilita dal decreto», spiega a MeridioNews Franco Del Campo, medico specializzato in Igiene e Medicina preventiva.

«Le mascherine possono essere utilizzate dalle persone per prevenire l'inalazione di aria contaminata - spiega - o per evitare le cosiddette droplet, cioè le goccioline nebulizzate costituite da acqua e residui cellulari che rilasciamo parlando, starnutendo o tossendo e che possono essere causa di trasmissione del virus da soggetto a soggetto». Le mascherine chirurgiche sono sicuramente quelle più diffuse. «Ma attenzione, essendo fatte di materiali porosi tengono a inumidirsi - precisa - Passate quattro ore necessitano di essere sostituite».  Le precauzioni si estendono anche al modo in cui vengono indossate. Devono essere prese - con le mani pulite - dai lati, in particolare dagli elastici, e fatte aderire bene a naso e bocca senza però toccare la parte interna. Tra gli errori da evitare c'è quello di toccare le superfici e poi portarsi le mani al naso o alla bocca «questo causa un trasferimento di particelle che supera la barriera della mascherina». 

Altre tipologie sono quelle tecnicamente indicate con tre classi di protezione: FFP1FFP2 e FFP3, acronimo di filtering face piece: cioè maschera filtrante. «Sono quelle più performanti grazie agli appositi filtri - continua - Non fanno entrare aria dalle parti laterali e proteggono naso e bocca. Ma anche queste, pur durando di più, devono essere sostituite e non possono essere utilizzate in eterno». 

Alcuni insieme alle mascherine utilizzano anche i guanti in lattice. In particolare tra gli addetti alle casse dei supermercati. «Sono utili fino a quando restano puliti. Se un fruttivendolo, per fare un esempio, usa i guanti e tocca la frutta e i soldi e non li cambia diventano un veicolo d'infezione. Bisognerebbe cambiarne un paio ogni 15 minuti. Per questo è molto più semplice lavare la mani con frequenza, utilizzando acqua e sapone, possibilmente non a pezzi ma con erogatore». Infine un appello a chi si copre con mascherina fai da te di tessuto o con le sciarpe: «Sono inutili e non garantiscono la copertura dalla penetrazione di particelle».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews