Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, alla Pfizer braccio di ferro sulla chiusura
I sindacati premono per lo stop all'impianto catanese

Dopo la morte del 52enne - prima vittima a Catania, terza delle quattro siciliane - cresce l'apprensione dei colleghi. Ieri una riunione fiume tra rappresentanti dei lavoratori e multinazionale, per decidere il da farsi. Il tavolo di crisi continuerà oggi

Luisa Santangelo

Uno stop di due settimane allo stabilimento della casa farmaceutica Pfizer alla zona industriale di Catania. I sindacati non vogliono mollare: hanno una sola richiesta per la multinazionale, per sentirsi più sicuri dopo che un loro collega è diventato la prima vittima di Catania affetta da coronavirus e la terza in tutta la Sicilia. Il quadro clinico del 52enne non era buono già in partenza, ma le sue condizioni si sono aggravate molto velocemente dopo avere contratto il Covid-19. Adesso l'impianto è quasi del tutto chiuso e lo rimarrà per l'intera settimana, ma l'obiettivo dei rappresentanti dei lavoratori è ottenere un blocco che duri 15 giorni. Una sorta di quarantena aziendale, per evitare la diffusione del virus tra uffici e area produttiva.

Il cittadino adesso deceduto ha cominciato a stare male lo scorso 6 marzo. Da quel momento è rimasto in casa per una settimana fino a quando, il 13 marzo, la sua situazione non è peggiorata ed è stato preso in carico dall'ospedale Cannizzaro di Catania. Al pre-triage infettivologico l'uomo presentava tosse, febbre e difficoltà respiratorie: i sintomi classici del contagio. Il 14 marzo, la Pfizer ha informato i sindacati: il collega era risultato positivo al test del tampone orofaringeo ed era ricoverato. Le sue condizioni si sono aggravate: il 16 marzo, dieci giorni dopo il manifestarsi dei primi sintomi, il 52enne è morto.

Non è chiaro come abbia contratto il virus, quello che è certo è che ai colleghi che lavoravano a più stretto contatto con lui è stato consigliato l'autoisolamento. L'uomo si occupava del controllo della documentazione e si spostava dunque tra il reparto di produzione e gli uffici. Da lunedì in quel grande complesso alla zona industriale di Catania non si presenta quasi nessuno: sono rimaste operative solo alcune unità di personale che si occupano della sicurezza dello stabilimento e delle tutele ambientali. Un paio di decine di dipendenti «indispensabili», li definiscono. Secondo quanto risulta ai lavoratori, non ci sono colleghi sottoposti al test del tampone.

Ieri pomeriggio la multinazionale ha tenuto una riunione in videoconferenza con i referenti delle sigle sindacali. L'obiettivo dei rappresentanti dei lavoratori è vincere le rimostranze di Pfizer rispetto alla chiusura. Sembra infatti che la casa farmaceutica abbia giustificato l'impossibilità di fare durare il blocco della produzione anche oltre questa settimana con la necessità, per la salute pubblica, di continuare a commercializzare antibiotici ad ampio spettro. Di cui non ci sarebbero sufficienti scorte in magazzino. «E alla nostra salute non ci pensa nessuno?», domanda un dipendente. Attualmente, lui come tutti gli altri è in congedo retribuito. Sul tavolo del braccio di ferro tra azienda e sindacalisti, però, c'è anche questo: come inquadrare eventuali giorni ulteriori senza lavoro, garantendo comunque loro lo stipendio. L'unità di crisi congiunta si riunirà anche oggi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews