Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, cambia il consiglio d'amministrazione
Di Natale resta Ad, Astorina nuovo presidente

Nessun ribaltone in via Magenta: la proprietà sceglie la strada della continuità, confermando l'ingegnere nelle vesti di amministratore delegato. I dimissionari Davide Franco e Giuseppe Gitto vengono sostituiti da Gianluca Astorina e Ignazio Scuderi

Giorgio Tosto

La tempesta, almeno per il momento, accenna a placarsi. Dopo giorni di incertezza, alla fine, il patron Nino Pulvirenti ha compiuto una scelta chiara: quella di continuare ad affidarsi all'opera di Giuseppe Di Natale per provare a tirare fuori il Calcio Catania dall'incubo del fallimento. Il consiglio d'amministrazione di questa mattina, resosi necessario a seguito delle dimissioni del consigliere Giuseppe Caruso e soprattutto dell'ormai ex presidente Davide Franco, è stato dunque caratterizzato dalla conferma di Di Natale nelle vesti di amministratore delegato, con due nuovi ingressi.

Il commercialista Gianluca Astorina, attuale liquidatore della holding Finaria (a cui fanno capo le attività di Pulvirenti), sostituisce Franco al vertice del Consiglio: il suo vice sarà invece l'avvocato Ignazio Scuderi che prende il posto del dimissionario Giuseppe Gitto. Dopo alcune settimane con le mani legate, col vecchio consiglio d'amministrazione in carica soltanto per sbrigare le questioni ordinarie, Di Natale avrà dunque nuovamente la possibilità di operare con pieni poteri per portare avanti quelli che sono gli obiettivi principali. Al primo posto, tra le priorità, c'è quella di concludere nel migliore dei modi la stagione.

L'emergenza legata al Coronavirus ha bloccato tutte le attività sportive almeno fino al prossimo 3 aprile, arrecando enormi danni alla nostra economia. Il mancato pagamento ai calciatori rossazzurri degli emolumenti di gennaio e febbraio (scadenza fissata allo scorso 16 marzo) pone la società di via Magenta sotto la scure di una possibile penalizzazione di due punti. Gli etnei però hanno diffuso una nota ufficiale, da cui si evince la comunicazione a Federazione, Lega Pro e Commissione di vigilanza (Covisoc) del ritardo in questione: i rossazzurri hanno anche avanzato la richiesta di sospendere tali adempimenti, invocando un concetto di «forza maggiore» legato all'impossibilità di «ricavare introiti fondamentali» per il pagamento delle somme dovute agli atleti. 

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli non ha escluso, in tal senso, la possibilità di una sorta di cassa integrazione, anche se solo dopo avere verificato con esattezza il quadro globale della situazione nei tre gironi della Serie C. L'altro elemento su cui Di Natale si troverà a programmare è quello relativo al possibile passaggio di proprietà. Tema spinoso e quanto mai complicato: le trattative tra via Magenta e l'ormai famigerato Comitato promotore sono coperte da un patto di riservatezza finora inviolato. Il confermato amministratore delegato, a tal proposito, sembra essere il trait d'union ideale tra vecchio e nuovo: la sua chiarezza comunicativa, unita a uno stile indubbiamente sobrio, possono risultare carte vincenti in un momento decisivo per la stessa sopravvivenza del Calcio Catania. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews