Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, siciliano bloccato all'aeroporto di Budapest
«Vivo qui da anni, ma fanno entrare solo gli ungheresi»

Il 29enne è originario di Acireale e lavora come ricercatore universitario nel paese dell'Est. Una settimana fa è partito per un viaggio in Finlandia, al ritorno la sorpresa. «Orban ha chiuso i confini, ma i controlli sanitari non esistono», racconta a MeridioNews

Simone Olivelli

Per dire che la pandemia metterà fine definitivamente a Schengen è ancora presto, i tempi però sono più che maturi per affermare che, di fatto, al momento la libera circolazione delle persone all'interno dell'Ue è sospesa. In Ungheria, un 29enne originario di Acireale da ieri mattina è bloccato all'interno dell'aeroporto di Budapest, dopo la decisione del premier Viktor Orban di chiudere le frontiere. Una misura ferrea presa sulla scia dell'autonomia con cui i singoli Stati stanno gestendo la pandemia da Covid-19.

Luca (nome di fantasia) ha 29 anni e nella vita fa il ricercatore universitario. Lo fa in Ungheria, dove è arrivato per la prima volta nel 2015. Lì ha studiato, e da un po' ha iniziato a lavorare. «Sono residente qui da anni - racconta a MeridioNews mentre si trova in una sala d'attesa dell'aeroporto intitolato al musicista Ferenc Liszt - Ho quello che qui chiamano il permesso breve, ovvero un documento che si può chiedere dopo avere vissuto tre mesi. Eppure non mi consentono di tornare a casa». 

Tutto è cominciato quando il 29enne è partito per un viaggio di piacere in Finlandia, circa una settimana fa. O meglio, quando si apprestava a tornare. «Ho deciso di andare perché ancora qui il coronavirus non si era manifestato in maniera importante e poi perché la Finlandia, da questo punto di vista, per ora è un paese per ora sicuro - spiega - Pochi giorni prima del ritorno, però, ho letto che Orban ha detto che avrebbe chiuso i confini». Un annuncio che, nel caso di Luca, sulla carta non avrebbe dovuto avere effetti particolari. «Ho sentito l'ambasciata italiana e mi hanno rassicurato. Sono iscritto all'Aire (l'anagrafe italiana dei residenti all'estero, ndr) e avevo tutti i documenti con me, cosa poteva succedermi?». 

Le cose però sono andate diversamente. «Poco dopo essere entrato nel terminal sono stato bloccato da alcuni agenti della polizia - va avanti nel racconto il 29enne - Hanno fermato tutti quelli che non hanno il passaporto ungherese. Dopo un paio di ore, e dopo che ho più volte chiesto spiegazioni, mi hanno detto di inviare una mail alla polizia di frontiera, ma è passata l'intera giornata e nessuno ha risposto».

Nonostante la disposizione sia motivata con la volontà di evitare la diffusione dell'epidemia in Ungheria, dove i casi confermati sono 58 mentre solo uno il decesso legato al Covid-19, i protocolli seguiti sembrano non avere nulla a che vedere con la prevenzione sanitaria. «Nessuno viene sottoposto a controlli. Semplicemente gli ungheresi entrano, tutti gli altri vengono bloccati - prosegue il 29enne - Nella saletta dove mi hanno fatto stare per quasi dieci ore non solo non hanno distribuito mascherine, ma neanche è possibile rispettare il metro di distanza. E nei bagni manca il sapone».

Nel contesto generale, l'essere italiano - originario del Paese europeo in cui l'epidemia ha finora avuto l'impatto peggiore - non aiuta. «La sensazione è che sia un malus, ma finora è stato inutile spiegare di avere le prove che non vado in Italia da un bel po' e che non ho nulla a che vedere con le zone rosse», conclude Luca, mentre si è appena alzato dalla brandina su cui ha passato la notte. Che per Schengen, invece, potrebbe essere ancora più lunga. 

Aggiornamento delle 18.30. Fonti della Farnesina fanno sapere che il ragazzo è stato fatto passare grazie alla mediazione dell'ambasciatore con il governo Orban che ha accettato di farlo entrare anche se aveva soltanto il permesso di residenza breve e non quello lungo (che si ottiene dopo i cinque anni).

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews