Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le nozze e il primo bacio da sposi con la mascherina 
«Niente parenti. Il viaggio? Fatto al supermercato»

Lucio e Filly sono diventati marito e moglie davanti a pochi. «Non c'erano nemmeno gli intimi - spiega lo sposo a MeridioNews - Non abbiamo voluto rimandare e abbiamo rispettato le regole anti Covid-19. Ci avvicinati giusto per gli scatti». Guarda le foto

Marta Silvestre

«Baciarsi con la mascherina? È stato emozionante». Risponde con ironia Lucio che questa mattina ad Acireale è diventato il marito di Filly davanti a pochi «e nemmeno davanti agli intimi». Sposo, sposa, testimone di lui, testimone di lei, il sindaco Stefano Alì come celebrante e una ufficiale di stato civile come assistente del rito. Questo è stato il loro matrimonio ai tempi del coronavirus

«Nonostante fosse consentito dalle misure restrittive dovute al Covid-19, non abbiamo permesso nemmeno ai parenti di primo grado di venire - racconta Lucio a MeridioNews - Ho rinunciato alla presenza dei miei figli, dei miei genitori, dei miei fratelli e anche di mia nonna. Lo stesso ha fatto anche mia moglie con sua madre, suo padre e le sue sorelle». La data delle nozze dai due, che stanno insieme da circa 13 anni e hanno già anche un figlio, era stata fissata all'inizio dello scorso gennaio. «Quando questo nuovo virus ancora non era nell'aria - precisano - Poi, per motivi personali, abbiamo comunque scelto di non rimandare anche perché, come si dice, le cose della vita non si sanno mai». 

Una decisione che, inevitabilmente ha richiesto qualche rinuncia. «La più grande per me - dice lo sposo - è stata non potere avere il più grande dei miei figli come testimone. Sarebbe dovuto venire di proposito ad Acireale da un altro Comune in cui abita e non mi è sembrato il caso». Così la scelta di siglare l'unione è caduta su un amico «che è anche un collega e che - aggiunge Lucio - ogni giorno esce di casa per andare comunque a lavoro». 

«Abbiamo fatto tutto nel pieno rispetto delle regole dettate da questo momento di emergenza sanitaria», lo sottolinea più volte Lucio amareggiato da qualche commento critico sui social per via delle foto in cui si vedono i cinque (sposi, testimoni e sindaco) vicini, a meno di un metro di distanza l'uno dall'altro. «Durante tutto il rito abbiamo anche rispettato le distanze di sicurezza - ci tiene a precisare - ci siamo avvicinati giusto il tempo di qualche scatto e senza mai toglierci mascherine e guanti». 

Le foto dei novelli sposi con i dispositivi di sicurezza individuale stanno facendo il giro del web. «Le ho pubblicate - spiega a MeridioNews il sindaco Alì - perché sono il ritratto del momento storico che stiamo vivendo e anche come segno di speranza per lanciare il messaggio che, anche in un periodo come questo, si possono vivere attimi di felicità e di normalità». O quasi. «Come abbiamo festeggiato? Dopo il rito siamo partiti direttamente per il nostro viaggio di nozze - risponde Lucio sorridendo - che è stato al supermercato per fare la spesa, già che eravamo fuori casa». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×