Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pfizer: 2,5 milioni di euro di farmaci per il Covid-19
«Scelta non impatta sui lavoratori del sito catanese»

La multinazionale ha deciso di offrire medicinali «che possono essere indicati per alcune complicanze nei pazienti colpiti da coronavirus». Dalla direzione nazionale assicurano a MeridioNews che «non dovranno essere prodotti in aggiunta»

Marta Silvestre

«Considerata l’eccezionalità della situazione sanitaria in Italia, interessata dall’emergenza legata al Covid-19, l’azienda farmaceutica Pfizer si impegna a dare il suo contributo in aiuto dei pazienti, delle persone più fragili e degli operatori sanitari, nel rispetto delle sue competenze». La multinazionale, che ha anche un importante stabilimento nella zona industriale di Catania, ha deciso di donare farmaci per un valore di circa 2,5 milioni di euro. 

Dopo la morte di un dipendente di 52 anni - la prima vittima etnea per coronavirus, cui oggi si aggiunge il secondo caso di un sessantenne deceduto all'ospedale di Caltagirone - a livello locale è iniziato un braccio di ferro per la chiusura del sito tra la dirigenza dell'azienda e le sigle sindacali. Intanto, stando a quanto risulta a questa testata, ad alcuni colleghi già in quarantena del dipendente deceduto - che si occupava del controllo della documentazione delle produzioni e aveva, quindi, contatti sia con gli operai dei vari reparti che con gli impiegati di diversi uffici - sono stati fatti i tamponi per il Covid-19.

«Quello che siamo riusciti a ottenere finora - spiega a MeridioNews Giovanni Romeo della Filctem Cgil - è che per tutta questa settimana, al netto di attività urgenti, lo stabilimento di Pfizer resta fermo». Dei circa ottocento impiegati, al momento, nel sito si recano solo poche decine di lavoratoriL'azienda non ha accolto la richiesta dei sindacati di un fermo cautelativo di 15 giorni perché nello stabilimento catanese si producono farmaci fondamentali, gli antibiotici iniettivi. Adesso, a livello nazionale l'azienda ha scelto di mettere a disposizione delle strutture ospedaliere antibiotici, steroidi, antifungini, dopamina e vaccini, «che possono essere indicati nella prevenzione e gestione di alcune serie complicanze nei pazienti colpiti da coronavirus».

Una scelta che potrebbe impattare sui livelli di produzione del sito catanese? «Sono farmaci che già esistono, non devono essere prodotti in aggiunta - rispondono a MeridioNews dalla direzione nazionale di Pfizer - Questa nostra scelta etica, dunque, non avrà nessun aggravio sulla produzione dello stabilimento di Catania». Il metodo di distribuzione dei farmaci è ancora da decidere tra le singole strutture che ne faranno richiesta o con un metodo più centralizzato. Intanto, l'azienda farmaceutica da sapere che condividerà strumenti e conoscenze, che «schieriamo in prima linea le nostre persone, offriamo la nostra esperienza nello sviluppo di farmaci e mettiamo a disposizione i nostri asset produttivi». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews