Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Chiappone, arriva sentenza primo grado
Ergastolo per Tuccio. Ancora latitante il complice

Il 27enne fu ucciso con diciotto coltellate alla gola e al torace la sera del 31 ottobre del 2016. Il movente pare fosse passionale. Il colpo di scena in questa storia a fine 2019 con il coinvolgimento del killer delle carceri Nino Marano 

Redazione

Ergastolo per Agatino Tuccio e 23 anni per il suo complice, ancora latitante, Salvatore Di Mauro. Questo il verdetto della corte d'assise di Catania nell'ambito del processo dell'omicidio di Dario Chiappone, ucciso a Riposto il 31 ottobre 2016 quando aveva 27 anni. La vittima la sera del delitto si trovava all'interno di un macchina, in compagnia di una donna, lungo via Salvemini. Tirato fuori dall'automobile Chiappone venne accoltellato per 18 volte tra collo e torace

A indagare sul caso i carabinieri di Catania insieme ai colleghi di Giarre. Decisivo il ritrovamento da parte dei militari di alcune buste di plastica in cui vennero trovate le impronte di Tuccio. Di Mauro, Invece, venne individuato tramite altre attività investigative, tra cui la visione di alcuni filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza presenti in zona. Successivamente vennero trovate tracce di sangue, appartenenti alla vittima, proprio nella macchina di Di Mauro. Il giudice per le indagini preliminari nel 2017, su richiesta della procura, dispose per i due indagati la misura cautelare in carcere

L'ultimo clamoroso colpo di scena in questa storia è arrivato a ridosso dell'ultimo Natale. Quando la procura ha individuato un terzo uomo accusato di essere coinvolto nel delitto. Si tratta del 75enne Nino Marano, noto come il killer delle carceri, uscito di prigione dopo 49 anni di detenzione e secondo i magistrati subito tornato a colpire. Nella macchina di Chiappone gli investigatori hanno ritrovato 30 impronte lasciate da Marano. Dietro questa vicenda, nonostante la sentenza, continuano a esserci diversi lati irrisolti. Primo su tutti: perché Chiappone è stato ucciso? Forse dietro c'è un movente passionale?

Una fonte confidenziale nel 2017, come scritto nei mesi scorsi da MeridioNews, ha svelato ai carabinieri che dietro ci sarebbe un lavoro su commissione. I primi incaricati sarebbero stati Tuccio e Di Mauro e, successivamente, i due si sarebbero rivolti a un boss dei Santapaola-Ercolano di Riposto. Quest'ultimo, approvata l'esecuzione, si sarebbe rivolto a Marano. Formando di fatto il terzetto che avrebbe ucciso il 27enne. Marano per ritornare a lavoro, stando sempre alla fonte riservata dei militari, avrebbe pattuito la somma di 50mila euro.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×