Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, Luca Calapai racconta la quarantena
Spesa e allenamenti a casa: «Il campo? Mi manca»

Lo sport, come la maggioranza delle attività, è stato costretto a un brusco stop a causa dell'emergenza Coronavirus. Un netto cambiamento di abitudini e stili di vita che il calciatore del Catania Luca Calapai ha raccontato in esclusiva a MeridioNews

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania

Foto di: Calcio Catania

Decelerare non è mai facile: a maggior ragione se, per mestiere, trascorri la vita inseguendo a perdifiato un pallone lungo la fascia destra. Luca Calapai è una delle indiscusse colonne di un Catania che, prima dello stop forzato dei campionati causato dall'emergenza Coronavirus, stava risalendo prepotentemente la china. Quattro vittorie e due pareggi nelle ultime sei giornate, per una classifica che adesso vede gli uomini di Cristiano Lucarelli a sole quattro lunghezze dalla Ternana quinta. Il terzino destro messinese, classe 1993, ha recitato un ruolo fondamentale nella rinascita rossazzurra, grazie a prestazioni che rappresentano un mix perfetto di grinta, corsa e qualità

Tutto adesso si è fermato, con le abitudini di una vita spazzate via dal virus. Calapai però cerca di non perdere il buonumore, nonostante una situazione di quarantena da affrontare da solo, forzatamente a distanza dalla ragazza che risiede a Messina. La nuova routine è scandita dalla televisione e dagli immancabili allenamenti mattutini. «Ho la fortuna di avere un'ampio spazio esterno - racconta il calciatore a MeridioNews - dove poter fare corsa e lavori di forza. Utilizzo dei pesi e un tappetino: dovrei ordinare a breve altri attrezzi (un bilanciere e una panca, ndr) per poter rendere la mia attività ancora più completa».

Il contatto con i compagni e il preparatore atletico è costante: «Ogni giorno condividiamo le informazioni su un gruppo dove pianifichiamo ogni allenamento: siamo monitorati in maniera costante. Con gli altri ragazzi - aggiunge Calapai -  abbiamo creato una chat su WhatsApp dove ci mandiamo foto e video per ridere e fare qualche battuta in compagnia. Mi sento più spesso con Giovanni Pinto, Moise Mbende e Davide Di Molfetta: loro, infatti, sono anche i miei vicini di casa». Il campo, però, è tutt'altra cosa: «Si tratta di un'assenza pesante: giocare a calcio, poi, significa anche condividere uno spazio comune come lo spogliatoio con altri ventiquattro ragazzi. Un elemento fondamentale che, al momento, mi manca molto».

La vita in quarantena scorre divorando una serie tv dietro l'altra. «Ho cominciato da poco a guardare Elite (un thriller, ndr): sono curioso perché in tanti me ne hanno parlato bene». L'unico strappo alla regola è rappresentato dalla spesa al supermercato: «Ci vado il meno possibile: una volta ogni dieci giorni circa - ricorda Calapai - con mascherina e guanti. La quotidianità ovviamente non è leggera: sto vivendo in una sorta di ritiro spirituale. Solo tra qualche tempo inizieremo a renderci veramente conto di quello che sta accadendo in questo periodo». 

Inevitabile anche una valutazione sulla stagione del Catania. «Il giudizio - ammette l'atleta - va espresso alla luce di tutto quello che abbiamo vissuto. Stiamo facendo un buon campionato per la situazione creatasi. Dobbiamo continuare così e giocarcela fino in fondo. Dopo questa sosta forzata, poi, è come se si ripartisse da zero. Dopo il ko contro il Monopoli - prosegue Calapai - ci è scattato qualcosa dentro: una mentalità nuova, grazie anche all'aiuto del mister. Siamo riusciti a calarci meglio nel campionato, mettendo in difficoltà corazzate come RegginaTernana. Ripartire non sarà facile, ma abbiamo l'obbligo di riagganciarci alle ultime prestazioni fatte».

Un pensiero, quest'ultimo, che il numero 26 rossazzurro ripete anche nel suo appello conclusivo ai tifosi. «Restate a casa: tutti noi, alla fine, stiamo facendo uno sforzo minimo rispetto a quello compiuto da dottori e infermieri. Non lamentiamoci - ricorda l'intervistato - dato che in questo momento c'è chi sta lottando per salvare vite». Quindi una rassicurazione che sa anche di solenne impegno: «I nostri appassionati continueranno a vedere il Catania dell'ultimo periodo, da qui alla fine». Parola di Luca Calapai.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×