Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, con i droni per controllare il territorio
A Mascalucia la tecnologia in aiuto della municipale

Nel Comune etneo il primo cittadino Vincenzo Magra ha avviato la sperimentazione del controllo dall'alto sui cittadini. Un drone sarà utilizzato dai vigili urbani per verificare il rispetto dei divieti

Gabriele Patti

Il picco non arriva, la paura da coronavirus aumenta, e con essa anche i controlli per limitare il contagio. Dopo l’obbligo di autocertificazione e il divieto di spostarsi in Comuni diversi da quelli di residenza, adesso si pensa anche ai droni. L’Enac dà il via libera alle prime sperimentazioni, ma c’è già chi, come il Comune di Mascalucia, dimostra di essere qualche passo avanti. A sorprendere stampa e cittadini è il video definito dallo stesso sindaco Prove tecniche di controllo girato dal Comune e pubblicato sulla pagina Facebook del primo cittadino. «Abbiamo avviato la sperimentazione 15 giorni fa – spiega il sindaco Vincenzo Magra a MeridioNews – perché i droni mi aiutano a localizzare i trasgressori e inviare celermente una pattuglia». 

Per Magra il problema, nonché la causa che lo ha spinto ad avviare la sperimentazione, è la difficoltà di contenere il contagio attraverso il controllo fisico della popolazione. «Siamo in emergenza – tuona il sindaco del primo Comune del Sud a dare il via al controllo aereo - e nonostante tutto mi vergogno di dire alle persone di stare a casa, se poi vengono frotte di infetti dal Nord».

Ad aggravare il quadro, lamenta il primo cittadino, ci sarebbe la carenza di organico della polizia locale. «Sono stato il primo a proporre l’iniziativa – spiega Magra a MeridioNews -, perché all’attivo ho solo dieci agenti e non sono sufficienti per garantire un controllo efficace sul territorio». Il grido di allarme raggiunge l’ente nazionale di aviazione civile che, nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica e al fine di consentire le operazioni di monitoraggio degli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale, con una circolare emanata ieri, deroga ad alcune previsioni del regolamento Mezzi aerei a pilotaggio remoto e dà il via libera al controllo senza limiti. 

Ma cosa cambia rispetto al passato? Primo tra tutti: per gli enti comunali non sussiste più l’obbligo di registrazione e identificazione del velivolo; le operazioni dei Sapr (acronimo con cui si indicano i dispositivi volanti senza pilota a bordo, i droni appunto) potranno essere effettuate in Visual line of sight (ovvero le operazioni in cui bisogna mantenere sempre il velivolo in una area di volo a vista), contrariamente a due giorni fa, anche su aree urbane dove vi è scarsa popolazione esposta al rischio di impatto. Deroghe, queste, che il primo cittadino aveva invocato a gran voce e «che hanno un senso – ripete Magra – se blocchiamo gli sbarchi perché io non ce la faccio più».

Uno sfogo, quello del sindaco, scaturito dalla considerazione secondo cui tutti stanno facendo sacrifici. «Io stesso – prosegue amareggiato – non vedo i miei figli da dieci giorni e il pensiero che questi sforzi possano essere resi vani dalle carovane del Nord mi fa impazzire». Ed è proprio la preoccupazione di non riuscire a fermare il contagio che ha spinto Magra ad avviare la sperimentazione molto prima che venisse emanata la circolare Enac. «I droni – spiega il sindaco - li abbiamo già proposti in forma preventiva un mese fa e oggi abbiamo definito i dettagli». L’Ente comunale, infatti, ha già richiesto la formulazione dei preventivi ad alcuni esperti del settore dotati di patentino per il controllo da remoto. «Parliamo di cifre irrisorie – assicura il sindaco – che non superano i tremila euro».

Se questo è l’aspetto economico e procedurale, rimangono da sciogliere i nodi relativi all’aspetto strategico e alla durata del provvedimento. «I droni – aggiunge il sindaco - saranno posizionati in zone sensibili già stabilite». Si tratta delle aree vicine a farmacie, supermercati e alla posta. «In realtà – spiega il neocomandante della Polizia locale Paolo Rizzotto – il drone è uno solo e gode di un’autonomia di mezz’ora». Tempo sufficiente, secondo il comandante che, nel ribadire la carenza di organico, aggiunge che il drone «è indispensabile per aiutarci a effettuare gli opportuni controlli sul territorio». In merito alla durata del provvedimento comunale Magra assicura che «avrà un’efficacia limitata nel tempo». Quanto? «Non più di un mese», risponde sicuro il primo cittadino. Una cosa è certa: i vigili non bastano. «O ci mandano l’esercito oppure, anche se non volevamo arrivare a tanto – conclude -, i droni sono l’unica soluzione». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews