Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

È morto il giornalista dei Siciliani Lillo Venezia
«Ha mostrato il senso della parola "compagno"»

Le prime parole per ricordare il cronista arrivano dal collega Riccardo Orioles, che con lui ha condiviso l'esperienza nel giornale direttore da Pippo Fava. Era risultato positivo al coronavirus ed era ricoverato in ospedale

Redazione

«Lillo Venezia ha mostrato a noi tutti, avversari e amici, il senso della parola “compagno”, profonda e antica, modesta e responsabile, per il bene di tutti». Le parole di Riccardo Orioles sono arrivate tra le prime. Il giornalista Lillo Venezia, redattore de I Siciliani di Giuseppe Fava e già direttore del settimanale satirico Il Male, è morto oggi. Secondo quanto riferito da fonti a lui vicine, a una patologia che da tempo gli causava parecchi problemi si era aggiunta, nei giorni scorsi, la positività al coronavirus. Era ricoverato in un ospedale di Catania.

«Forse era il catanese che conoscevo da più tempo - aggiunge Orioles, raggiunto telefonicamente da MeridioNews - Lo conoscevo da dieci anni prima del Giornale del Sud». Poche parole, perché del resto «è tutto scritto in un pezzo» pubblicato su I Siciliani giovani. «Subito dopo l'assassinio del direttore - scrive Riccardo Orioles - fu uno dei primissimi a dire che bisognava subito continuare». E così in effetti è andata. «Fu impegnato anche nell'amministrazione del giornale, pagando personalmente con i suoi poveri beni i mancati impegni di illustri sostenitori».

Una vita dedicata al giornalismo e all'impegno civile. Alla «passione politica», come la definiva lui. Lillo Venezia aveva fatto parte di Lotta continua, aveva combattuto la mafia con Pippo Fava (poi ucciso da Cosa nostra), era stato in carcere per vilipendio alla religione di Stato per le satire pubblicate sul settimanale Il Male. «Oltre cento denunce», sottolinea Orioles. Adesso a ricordare il cronista sono centinaia di messaggi di cordoglio. Di giornalisti, di attivisti, di chi lo ha incrociato per strada e, soprattutto, di compagni e compagne. Altrettante persone, certamente, avrebbero partecipato alle sue esequie pubbliche, vietate in questo momento per l'emergenza sanitaria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews