Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, il vero viaggio della Renault 4 da Napoli a Catania
«Non siamo turisti, solo qui possiamo tutelare noi e gli altri»

Con la loro casa viaggiante sono diventati il simbolo social della mancanza di controlli. La realtà dei fatti racconta però una storia diversa. Per conoscerla abbiamo intervistato i protagonisti. Guarda il video

Li hanno chiamati « vacanzieri provenienti dalla Francia», sfuggiti a ogni controllo delle forze dell'ordine in piena pandemia. Quando andava bene. Per altri sono dei «pericolosi untori» e c'è persino chi - come il sindaco di Messina Cateno De Luca - si è spinto fino a divulgare i loro dati personali su Facebook. Tutta colpa della loro Renault 4, casa in movimento piena di bagagli, che dava nell'occhio più degli altri mezzi di rientro in Sicilia ed è ormai diventata il simbolo di questa storia. Fotografata in fila agli imbarcaderi di Villa San Giovanni e ripresa in autostrada da automobilisti indignati. «Com'è possibile attraversare l'Italia del tutti a casa?». A fare il resto ci hanno pensato alcuni titoli di giornali: «A spasso per le zone rosse» e «Controlli bucati sullo Stretto». Ma cosa c'è davvero dietro quel mezzo? Per capirlo siamo andati a parlare direttamente con i protagonisti, dalla finestra della loro quarantena, non solo imposta ma preventivata e voluta.

In una casa nemmeno troppo grande si trovano sette persone di tre nazionalità diverse, sei cani e una bambina. A portare loro la spesa, a partire da oggi, ci penserà la Caritas. Tra un controllo e l'altro: prima dei vigili urbani e poi dei carabinieri. «Non è tanto per voi, è che siete diventati un caso nazionale», quasi si scusano. Finita la conta, un po' in italiano e un po' in inglese, è l'ora delle informazioni sulla quarantena obbligatoria ma anche dei recapiti di telefono in caso di necessità. «Alcuni vicini all'inizio si sono spaventati e ci hanno urlato delle cose poco gentili, ma la maggior parte ha capito». A parlare è Boris, spagnolo-argentino arrivato nel Catanese a dicembre con la moglie e la figlia «per fuggire alla crisi del nostro Paese e cercare di vivere in un posto tranquillo». Come artista di strada e tatuatore. «Abbiamo messo da parte un po' di risparmi, che adesso però stanno per finire perché, con questa situazione, non si può lavorare». E anche perché parte di quei risparmi sono stati usati proprio per aiutare gli amici della Renault 4.

Prima di loro, però, a casa di Boris erano arrivati qualche mese fa il fratello e la compagna tedesca. «È stata una sorpresa, non ci vedevamo da un anno - racconta il ragazzo - Poi anche a loro è piaciuto qui e hanno deciso di fermarsi». Intanto è scoppiata la pandemia. E altri tre amici francesi, Arturo, Angelino e Morgan, si trovano nei guai. «Non siamo vacanzieri, questo deve essere chiaro: siamo artisti di strada anche noi, viaggiamo e viviamo in macchina», racconta Angelino. Un nido mobile, per loro, ma pur sempre non adatto a rispettare un decreto che impone di stare a casa, in un domicilio fisso. «Una regola seria e importante, per proteggere noi stessi e gli altri», ripete spesso Angelino che, se non fosse diventato un caso nazionale al contrario, sarebbe un perfetto testimonial per il governo. Tornare in Francia, senza soldi, con il cane e senza poter abbandonare l'auto, non era una strada praticabile. L'unica via, spiegano, era raggiungere la casa di Boris, che ha offerto la sua ospitalità alla comitiva e inviato loro il denaro necessario per la benzina. Ma il viaggio non si è limitato ai quasi 600 chilometri necessari.

« Ai traghetti ci sono molti controlli e, la prima volta, ci hanno cacciato senza però spiegarci cosa dovevamo fare - ripercorre Angelino - Sono passati due o tre giorni di chiamate al consolato e alla polizia, cercando un posto dove dormire, in montagna, nella natura, il più isolato possibile dalla gente. Ma nonostante questo qualcuno chiamava i carabinieri che ci facevano spostare». In Campania, i ragazzi vengono anche portati in ospedale dai carabinieri e visitati. «Sono sani, non hanno nessun sintomo e non c'era motivo per trattenerli», confermano a MeridioNews dall'ospedale San Luca del Cilento. Così, ritentano la traversata. «In Calabria abbiamo trovato dei poliziotti gentili, che ci hanno spiegato come compilare i documenti per bene e hanno capito che la nostra era una questione di sopravvivenza, non un capriccio». Ma a quel punto la loro Renault 4 è già famosa e le voci si diffondono veloci. Non sempre vere, ma comunque più rapide del loro arrivo alla loro casa temporanea. «Adesso siamo come in prigione, ma siamo in famiglia e non c'è niente di più importante», sorride Boris. «È il momento di rispettare le regole ed essere solidali perché, in questa emergenza, la cosa importante è assicurarsi che tutti abbiano una casa in cui stare. Dovunque sia. Noi siamo francesi, ma siamo anche esseri umani».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews